Due gli italiani impegnati nella notte NBA (sei le partite giocate) quando lentamente ci avviciniamo al termine della regular season: Andrea Bargnani con i New York Knicks sul parquet dei Jazz, e Marco Belinelli, in un buon momento così come i suoi San Antonio Spurs.

PARTITE

New York continua a perdere e Bargnani continua a giocare bene, 20 punti per lui nella serata, anche se Utah si impone 87-82. Stagione tremendamente negativa per la squadra della Grande Mela (probabilmente voluta, per liberare spazio salariale, ritrovarsi una prima scelta il prossimo anno e cambiare completamente volto alla franchigia), ma il giocatore romano è finalmente titolare e in forma, nel ruolo di centro. Difficilmente però resterà a New York. Per Marco Belinelli e i San Antonio Spurs arriva la sesta vittoria consecutiva grazie al successo in casa contro Toronto, 117-107, con doppia-doppia di Leonard (24 punti e 11 rimbalzi), 23 punti e 9 assist di Parker e 10 punti di un Belinelli perfetto al tiro (4/4, 2/2 da tre). Avanti così.

LE ALTRE

Ventisette punti, 7 rimbalzi e 8 assist per LeBron James che trascina i Cavs (tutto il quintetto titolare in doppia cifra) a un successo straripante a Dallas, 127-94. James diventa il miglior assist-man nella storia della franchigia. Prima di quattro partite in trasferta consecutiva per Cleveland. Indiana prosegue la sua marcia a est battendo 118-86 Orlando, mentre i Pellicans sbancano il parquet di Brooklyn 111-91; successo infine dei Lakers sui Pistons 93-85. In classifica a est domina Atlanta, con Cleveland seconda davanti a Chicago, Toronto, Washington, Miwaukee, Indiana e Charlotte. A Ovest Golden State davanti a tutti, poi Memphis, Houston, Portland, Los Angeles Clippers, San Antonio Spurs, Dallas e Oklahoma City. New Orleans e Phoenix sono ancora in lizza per un post nella post season, così come Miami, Boston, Brooklyn, Detroit e Orlando a est, dove New York è inesorabilmente ultima…