Napoli-Villarreal 1-1 e azzurri che lasciano l’Europa League. Squadra di Sarri che, al di là di ogni demerito, viene punita da un episodio capitato proprio nel miglior momento dei partenopei.

Il tecnico partenopeo manda in campo una formazione di gran lunga differente da quella classica. Reina in porta, Hysaj e Strinc esternibassi, Strinic e Albiol centrali. A centrocampo David Lopez, Valdifiori e Hamsik, in attacco Insigne e Mertens spalleggiano Higuain.

Al 3′ la prima occasione per gli azzurri, che cercano di colpire con Higuain, bravo a cercare e trovare un varco al limite dell’area per un tiro deviato in angolo. Al 13′ la risposta del Villarreal con Bakambu che s’invola verso la porta di Reina, finendo per sparare addosso al portiere spagnolo che chiude lo secchio della porta e devia in angolo.

Al 16′ il vantaggio del Napoli: corta respinta della difesa iberica e tiro al volo di Hamsik dai 25 metri che fulmina Areola.

Quattro minuti dopo Mertens tenta la via del raddoppio con un tiro che finisce alto. Il Napoli gioca in scioltezza e va al tiro con Higuain, Insigne e David Lopez, ma è sul finire del tempo che trova l’occasione più ghiotta per il raddoppio.

Cross basso di Mertens, deviazione di Musacchio verso la propria porta e palla sul palo.

La ripresa si apre con un Napoli ancora arrembante. Al 13′, però, l’incredibile beffa. Cross di Pina, che tutto voleva fare fuorché trovare lo specchio della porta, e palla in gol. 1-1 e doccia gelida che si abbatte sul San Paolo.

Il Napoli si rituffa nella metà campo iberica, colleziona occasioni in serie, ma la porta di Areola torna ad essere stregata. La gara finisce su un 1-1 che lascia l’amaro in bocca.