Ultimo appuntamento in campo per il Napoli.

Questa sera, alle ore 20,45, la squadra di Benitez scenderà sul rettangolo verde del San Paolo per affrontare il Verona in quella che è la giornata conclusiva del campionato 2013/14.

Accantonata la conquista della Coppa Italia e il consolidamento del terzo posto in classifica che garantisce l’accesso alla Champions League seppur dalla porta secondaria, la compagine non ha altro da chiedere alla propria stagione.

La gara contro il Verona può rappresentare l’occasione per chi ha giocato meno di mettersi in mostra, ma anche di far entusiasmare i tanti bambini che accorreranno all’impianto sportivo di Fuorigrotta per vedere i propri beniamini: infatti, dopo l’accoglimento parziale del ricorso avverso alla decisione del Giudice Sportivo di disputare due turni a porte chiuse (poi ridotti ad uno), si prevede la presenza di molte scolaresche che hanno aderito all’iniziativa ‘Napoli ama, ama il Napoli’.

I precedenti con il Verona in casa dei campani vedono l’ultima vittoria dei partenopei datata 13 gennaio 2007 per il risultato di 1-0 con rete di Bucchi su rigore.

L’ultimo pareggio risale al gennaio 2004 con reti di Salvetti, Adailton e doppietta di Perovic per il risultato di 2-2.

Per l’ultima sconfitta bisogna andare invece indietro nel tempo, al lontano 2 gennaio 1983 per il risultato di 1-2 con gol di Pellegrini e doppietta di Fanna.

Dirigerà la gara Pairetto di Nichelino, che vanta una presenza in serie A e non ha mai diretto il Napoli.

La partita sarà visibile in tv su Sky Calcio 3 HD e Premium Calcio 3.

Benitez, che in conferenza stampa aveva dichiarato di non sapere ancora chi avrebbe schierato, con tutta probabilità dovrebbe mettere in campo il suo 4-2-3-1 con Colombo tra i pali ed una linea difensiva formata da Maggio, Fernandez, Britos e Zuniga. A centrocampo Jorginho e Dzemaili, mentre in attacco dovrebbero vedersi Callejon, Pandev e Insigne in supporto a Duvan Zapata. Il tecnico però potrebbe anche pensare ad una formazione con Zuniga alto accanto a Pandev e Insigne, un centrocampo formato da Inler e Jorginho ed una linea difensiva composta da Maggio, Henrique, Britos e Ghoulam.

Mandorlini deve rinunciare a Martinho, Pillud, Marques e Donati, ma recupera Iturbe che dovrebbe andare a comporre il tridente con Marquinho e Toni. A centrocampo dovrebbero vedersi  Sala, Donadel e Hallfredsson, mentre il reparto arretrato dovrebbe essere composto da Cacciatore, Maietta, Moras e Agostini.

Napoli (4-2-3-1): Colombo, Maggio, Fernandez, Britos, Zuniga, Jorginho, Dzemaili, Callejon, Pandev, Insigne, Duvan. All. Benitez

Verona (4-3-3): Nicolas Andrade, Cacciatore, Maietta, Moras, Agostini, Sala, Donadel, Hallfredsson, Iturbe, Toni, Marquinho. All. Mandorlini

(foto di copertina by Infophoto)