Napoli-Verona 3-0 e azzurri che si gettano così una settimana pesante, iniziata con la sconfitta di Udine e proseguita con le polemiche per le 4 giornate comminate ad Higuain.

La squadra di Sarri (oggi in tribuna per squalifica, al suo posto Calzona) resta dunque in scia della Juventus e tiene a bada la rimonta della Roma.

Tutto facile per i padroni di casa, che pur privi degli squalificati Higuain, Koulibaly (sostituiti da Gabbiadini e Chiriches) e di Mertens, ci mettono poco a prendere possesso del match.

Al 9′ palo di Insigne su calcio di punizione, sei minuti più tardi è sfortunato anche Gabbiadini, che colpisce il legno dopo aver calciato di sinistro su assist di Hamsik.

Napoli tamburellante e che arriva con molta facilità al tiro: al 18′ Gabbiadini spara addosso a Gollini in uscita, il numero uno si ripete pochi giri di lancette più tardi con un grande intervento sempre sull’attaccante di scorta partenopeo.

Al 27′ bell’inserimento di David Lopez che di sinistro, in posizione leggermente defilata all’interno dell’area di rigore, sfiora il palo alla destra della porta scaligera.

Il vantaggio azzurro è solo rimandato di 4′. Hamsik per Callejon che calcia al volo trovando la nuova opposizione del bravissimo Gollini, ma stavolta Gabbiadini è bravissimo a ribadire in rete di testa.

Raddoppio in pieno recupero del primo tempo. Callejon si avvia al tu per tu con Gollini, ma viene abbattuto da Souprayen: rigore ed esplusione. Dal dischetto Insigne fa 2-0.

Nella ripresa il Napoli gioca sul velluto e mette a segno il tris con Callejon. El Kaddouri (subentrato a Gabbiadini) fila via sulla destra, mette al centro dell’area di rigore per José Callejon che non sbaglia la deviazione per il 3-0 che di fatto conclude il match.