L’ombra dell’Atletico Madrid si allunga su Šime Vrsaljko, prossimo obiettivo di mercato del Napoli. Il forte laterale croato, finito sui taccuini dei dirigenti sportivi di mezza Europa grazie a prestazioni davvero molto importanti con la maglia del Sassuolo, sta riflettendo sul suo futuro: ormai non può più rimanere in provincia, è arrivato il momento di fare il salto di qualità e tentare l’avventura in un club più blasonato. Sul suo futuro ci sono Liga o Serie A, Atletico Madrid o Napoli, Simeone o Sarri. I prossimi giorni saranno senza dubbio decisivi e sapranno dirci chi beneficerà delle prestazioni  del croato.

Il Napoli ha già raggiunto da tempo un accordo economico con il Sassuolo, che prevede il pagamento di 15 milioni di euro più bonus (ma non è escluso che all’interno dell’affare possano entrare anche delle parziali contropartite tecniche), però manca ancora l’accordo con il giocatore. L’Atletico Madrid avrebbe proposto al ragazzo un contratto di 2 milioni di euro l’anno per 4 anni. I dirigenti dei Colchoneros avrebbero incontrato l’agente di Vrsaljko, Giuseppe Riso, sabato mattina all’Hotel Melia di Milano, sede del ritiro della squadra spagnola in vista della finale di Champions.

Secondo il quotidiano spagnolo Marca, l’Atletico Madrid sarebbe in netto vantaggio sul giocatore, che avrebbe individuato in lui l’elemento perfetto per alternarsi con Juanfran sulla fascia destra. Vrsaljko sarebbe attratto dall’idea di giocare in Liga e disputare la prossima Champions League con il club vice-campione d’Europa e a quanto si apprende dalla stampa madrilena, avrebbe già dato l’ok alla squadra di Simeone. L’Atletico dovrebbe dunque ora trovare un accordo con il Sassuolo, che come detto ha già una forte intesa con il Napoli.

De Laurentiis ovviamente non è rimasto impassibile di fronte alla notizia di questo incontro. Insieme al direttore sportivo azzurro Giutoli, sta preparando una nuova offerta da proporre al giocatore, che si avvicinerebbe molto alle richieste di Vrsaljko: 1,7 milioni a stagione, per 4 anni. Per una società come il Napoli, che certamente non dispone delle risorse di una squadra arrivata per ben due volte in finale di Champions League negli ultimi tre anni, non si tratterebbe di un investimento di poco conto, anzi. Testimonia come la società azzurra creda fermamente nelle capacità del giocatore e sia convinta che anche grazie a lui si riuscirebbe a colmare il gap con la Juventus, per provare ad accarezzare nuovamente il sogno chiamato scudetto.