E’ arrivato il tweet dell’Aurelio ‘azzurro’.

Il patron del Napoli, mediante il popolare social network, ha voluto caricare la squadra in vista dell’impegno di campionato che la vedrà protagonista nella giornata di domani con la Roma.

“Cari ragazzi, abbiamo battuto la Roma in Coppa Italia e siamo andati in finale. Quella di domani sarà una partita importantissima per i nostri obiettivi in campionato”-  quanto scritto sul profilo Twitter del presidente del club partenopeo, che ha poi aggiunto – “Non sarà facile, la Roma è una squadra fortissima. Ma con la vostra grinta e determinazione vincerete! Forza ragazzi, forza Napoli!”.

Intanto questa mattina la squadra si è allenata a Castel Volturno.

Il gruppo ha svolto riscaldamento atletico su circuito e successivamente allenamento speciale con l’ausilio  della Gym Ball.

Di seguito, seduta tecnico-tattica e partitella a campo ridotto.

Benitez (foto by Infophoto) ha diramato la lista dei convocati, che comprende: Reina, Doblas (per le sue dichiarazioni in un noto programma televisivo clicca qui), Colombo, Maggio, Reveillere, Ghoulam, Albiol, Britos, Fernandez, Henrique (leggi qui alcune sue dichiarazioni settimanali), Behrami, Dzemaili, Inler, Jorginho, Radosevic, Bariti, Callejon, Insigne, Mertens, Hamsik, Pandev, Duvan, Higuain.

E proprio il mister è intervenuto in conferenza stampa, rilasciando interessanti dichiarazioni.

“La gara Napoli-Roma non è una finale. Ci sono ancora tante partite da giocare e il calcio può sempre riservare novità, tuttavia dobbiamo vincere. Tanta gente dimentica che abbiamo avuto molti infortuni, alcuni dei quali a lungo termine: nessuno mi ha mai chiesto degli infortunati prima di un match importante. La Roma potrebbe cambiare modulo di gioco, a me però interessa poco perché dobbiamo pensare solo a noi stessi. Sento spesso De Laurentiis, il presidente ci carica ed è presente, ma devono essere i giocatori a fare la differenza. Hamsik si è infortunato ma si sta riprendendo. Lo slovacco mi sta dando già delle risposte. Il ginocchio di un giocatore è un mistero, per cui lo è anche quello di Zuniga i cui tempi di recupero esatti non possono ancora essere stabiliti (per approfondimenti sull’infortunio del colombiano clicca qui). Pensiamo a domani, cerchiamo di creare tanto in attacco e andiamo determinati. Sarà una bella partita”.

A cura di Maria Grazia De Chiara