Napoli-Roma 0-0 al San Paolo, con gli azzurri che non sono riusciti ad avere ragione della squadra di Rudi Garcia, scesa in Campania a giocare una partita di contenimento. Alla fine i giallorossi faranno registrare un clamoroso 0 tiri nello specchio della porta.

Gli azzurri sono in formazione tipo. Sarri risolve il dilemma Mertens-Callejon a favore di quest’ultimo. Higuain ed Insigne completano il settore offensivo. A centrocampo il trio Jorginho-Allan-Hamsik mentre davanti a Reina ci sono Hysaj-Ghoulam esterni e Koulibaly-Albiol centrali.

La Roma risponde con Szczesny in porta, Florenzi, Rudiger, Manolas e Digne in difesa, Pjanic, De Rossi e Nainggolan in mezzo con Dzeko punta centrale e Salah e Iago Falque ai suoi lati.

I giallorossi giocheranno una partita catenacciara, ma hanno anche la prima palla gol della partita: tiro di Salah che si spegne di poco alla sinistra di Reina dopo uno svarione difensivo azzurro. Siamo al 5′.

Il Napoli entra in controllo della partita, ma di varci ce ne sono pochi. Bisogna attende il minuto 24 per trovare uno spunto di Higuain degno di nota con una conclusione che trova pronto Szczesny al termine di un batti e ribatti in area su azione partita da calcio d’angolo.

Un minuto più tardi si vede Insigne, discesa sulla sinistra, ma la conclusione è sballata.

Al 28′ la Roma si affaccia dalle parti di Reina: calcio d’angolo e conclusione al volo di Manolas che termina alta sopra la traversa.

Al 38′ ancora azione sulla sinistra di Insigne, che non conclude perdendosi tra le maglie giallorosse. Pochi minuti più tardi inforuinio per Cariolato: l’assistente dell’arbitro deve essere sostituito a causa di un problema muscolare.

Nella ripresa gli azzurri partono subito forte: all’8′ conclusione da buona posizione di Callejon fuori bersaglio. Al 15′ Hamsik arriva a tu per tu con Szczesny, il suo sinistro finisce di pochissimo fuori, ma lo slovacco poteva fare di più nell’occasione.

Poi è Insigne a provarci su calcio di punizione che termina alto, al 32′ Higuain si tuffa in piena area di rigore, ma non arriva di un soffio all’impatto sul pallone dopo un cross di Ghoulam.

Situazione cambi: Mertens per Callejon, Iturbe per Salah che esce zoppiccando a causa di un problema ad una caviglia.

Al 36′ la Roma va in gol, ma l’arbitro ferma tutto: cross di Rudiger sulla linea di fondo, colpo di testa di De Rossi, palla in gol, ma la palla era uscita al momento del traversone del difensore romanista.

Gli azzurri appaiono stanchi. Al netto di Mertens, Sarri non può inserire panchinari all’altezza dei titolari (e questa è una grande pecca per una squadra che vuol lottare per lo scudetto), manca qualcuno in grado di dare un cambio di passo in mezzo al campo e si vede. Non per niente l’ultima palla gol, 92′, capita sui piedi di El Kaddouri: dopo un tiro di Hamsik respinto da Szczesny, il marocchino spara a lato.

La partita termina qui. 0-0. Sarri recrimina (“7 palle gol”), Garcia pure: “Il gol era regolare”. Napoli e Roma pari in tutto.