Così come prevedibile, alla fine un accordo è stato trovato. Consistente aumento di stipendio a fronte della conferma della cessione dei diritti d’immagine al club. Lorenzo Insigne si prepara a firmare così il rinnovo con il Napoli fino al 2022, per il quale manca ormai solo la conferma ufficial da parte della società.

Il folletto di Frattamaggiore guadagnerà 4,5 milioni a stagione, ingaggio che comprende alcuni bonus facilmente raggiungibili. I diritti d’immagine (che ammontano a circa 4 milioni di euro) come detto rimangono a De Laurentiis. Il numero uno azzurro, in compenso, pare stia pensando di trasformare in film l’autobiografia che Insigne pare stia mettendo nero su bianco in queste settimane.

Insigne si appresta dunque a diventare il Totti di Napoli. Nato nel 1991, è approdato a 15 anni, nel 2006, nel settore giovanile partenopeo. Dopo l’esordio in A avvenuto nella stagione 2009-2010, ecco i prestiti a Cavese, Foggia e soprattutto Pescara: col club abruzzese promozione dalla B alla A condita da 37 presenze e ben 18 gol che lo proposero all’attenzione nazionale. Il club decise così di riportarlo a casa: dalla stagione 2012-2013 sono state 160 le presenze e 36 le reti con la maglia azzurra.

Superata la grana Insigne, ora De Laurentiis dovrà dedicarsi a sbrogliare la matassa Mertens: il belga vorrebbe firmare il rinnovo e restare, sua moglie, con la quale è in crisi e che è andata via da qualche mese dal capoluogo campano, preferirebbe vederlo altrove. Nei prossimi giorni è previsto un incontro tra le parti: il produttore cinematografico sembra intenzionato ad offrire un contratto anche alla signora Mertens, la presentatrice televisiva Kat Kerkhofs. L’ingaggio, secondo quanto riportato dall’emittente Radio Crc, sarebbe di 250mila euro: l’obiettivo è quello i far tornare Kat in una città che, come dichiarato più volte, adora.