Vigilia di Napoli-Real Madrid. Il tecnico Maurizio Sarri ed il capitano Marek Hamsik parlano all’interno del centro tecnico di Castelvolturno proprio nei minuti in cui le Merengues arrivano in città trovando alloggio a Palazzo Caracciolo.

“Giochiamo contro i migliori del mondo, ma dalla nostra avremo il nostro grande pubblico”, le parole dell’allenatore dei partenopei “Non sarà facile. Qui si parla di fase difensiva, ma non si tiene conto che loro hanno un bagaglio tecnico eccellente. All’andata a centrocampo ho provato a giocare ad uno in più, ma non ce lo fanno fare. Quando si ha di fronte un talento è difficile contrastarlo a prescindere, per fortuna. Altrimenti Maradona non sarebbe Maradona”.

Rog, autore di una straordinaria prova a Roma, potrebbe partire titolare. E’ questo uno dei dubbi della vigilia. “Domani il confine tra il partire negli undici ed andare in tribuna è molto labile. Vedremo. Dovrò fare diverse valutazioni”.

A Roma il NApoli ha giocato una partita sublime per 85′, poi cosa è successo? “Un calo di intensità a livello nervoso. Patiamo queste situazioni, ci lasciamo travolgere dagli eventi e non deve succedere. Anche a Torino in coppa Italia è andata così”.

Sarri si è soffermato anche sull’incontro che ha avuto con De Laurentiis nel pomeriggio di sabato, dopo la partita. Il primo dopo la sfuriata presidenziale del Bernabeu. “C’è convergenza di obiettivi. Un incontro di mezz’ora, ma per 28′ abbiamo parlato di cinema. Ho un paio di sceneggiature pronte…speriamo che venga fuori qualcosa. Si è parlato di calcio per un paio di minuti, ma rispetto a situazioni futuribili…”.