Quarta giornata di campionato. Turno infrasettimanale . Il Napoli ha un solo imperativo: vincere ed interrompere il trend negativo degli ultimi impegni.

Rafa Benitez nella conferenza stampa di presentazione del match si è mostrato stizzito contro chi lo aveva subissato di critiche  dopo la sconfitta con l’Udinese, ma anche positivo e fiducioso. «Crediamo nel progetto – ha dichiarato il tecnico – Io sono arrabbiato, ma anche convinto al cento per cento della forza della rosa. La squadra sta bene e sta dimostrando in campo con dati di fatto di essere sulla strada giusta».

«Voglio ringraziare i tifosi per come ci sono stati vicini  in queste gare – ha aggiunto lo spagnolo – Loro sono passionali ed intelligenti, sicuramente ci sosterranno ancora e ci spingeranno». Tuttavia, gli effetti della crisi si fanno sentire. Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Mattino, sono meno di 9.000 i biglietti venduti per l’appuntamento di questa sera al San Paolo. Aggiungendo gli 8.500 abbonati, si vanno a comporre i 17.000 spettatori che, in giornata, potrebbero diventare circa 20.000. Numeri che di certo fanno comprendere appieno la portata del malessere generale.

E’ necessaria una inversione di rotta. E’ necessaria una vittoria. Ma l’impegno in programma alle 20,45 non è dei più semplici. L’avversario è il Palermo, lo stesso che ha sfoderato nell’ultimo week end una bella prestazione fermando il cammino dell’Inter. Tra Coppa Italia e campionato, i precedenti tra le due squadre vedono il Napoli favorito con 22 vittorie. Solo sette i pareggi e tre, invece, le vittorie dei siculi. Sessantuno i gol degli azzurri contro i 16 dei rosanero. L’ultimo trionfo dei partenopei risale al 13 gennaio dello scorso anno, con il 3-0 firmato da Maggio, Inler e Insigne.

Questa sera dirigerà Doveri di Roma, che con gli azzurri vanta otto precedenti terminati con cinque vittorie, due pareggi ed una sconfitta. Il match sarà visibile in tv su Sky Calcio 3 HD, Premium Calcio 1 e Premium Calcio HD. In streaming per gli abbonati su Sky Go e Premium Play.

NAPOLI – Bando al turnover di Udine. Benitez dovrebbe ridare spazio ai suoi titolari, dunque davanti a Rafael dovrebbero vedersi in linea difensiva Maggio (in ballottaggio con Henrique), Albiol, Koulibaly e Zuniga. A centrocampo, ritorno di Inler in coppia con Gargano (ma non è escluso che possa entrare fin dal primo minuto Lopez). In attacco dovrebbero rientrare Callejon, Hamsik e Mertens  in supporto a Gonzalo Higuain.

PALERMO – I siculi non dovrebbero fare turn over, previsto dunque  un 3-5-2 con Andelkovic, Terzi e Feddal  davanti alla porta di Sorrentino. Centrocampo con Morganella e Lazaar esterni, Bolzoni, Rigoni e Barreto centrali. In attacco la coppia formata da Vazquez e Dybala.

Napoli (4-2-3-1): Rafael, Maggio, Koulibaly, Albiol, Zuniga, Inler, Gargano, Callejon, Hamsik, Mertens, Higuain. All. Benitez

Palermo (3-5-2): Sorrentino, Andelkovic, Terzi, Feddal, Morganella, Bolzoni, Rigoni, Barreto, Lazaar, Vazquez, Dybala. All. Iachini

(immagine di copertina e fotogallery by Infophoto)