Il Napoli batte il Palermo e conquista l’ottava vittoria in nove partite tra campionato ed Europa League. Un 2-0 che va stretto agli uomini di Maurizio Sarri, che colpiscono tre legni.

Napoli-Palermo 2-0, il video

Il Napoli parte con il piede sull’acceleratore: nei primi minuti Sorrentino è già preso a pallonate: Hamsik sfiora la rete in due occasioni, Higuain impegna il portiere rosanero con un colpo di testa.

Al minuto 20 ancora il pipita protagonista con un diagonale che finisce di poco fuori bersaglio. Il Palermo praticamente non esiste: surclassata dal pressing partenopeo, la squadra di Iachini non riesce a rendersi mai pericolosa dalle parti di Reina.

Al minuto 38 passaggio filtrante di Jorginho, che coglie il taglio di Insigne, la cui conclusione è perfetta, ma anche sfortunata: palla sul palo.

Un giro di lancette ed il Napoli passa: destro rasoterra da fuori area di Higuain ad incrociare e per i guantoni di Sorrentino non c’è nulla da fare. Poco prima della fine del primo tempo altra occasione per Higuain, stavolta il portiere siculo si rifugia in angolo. Azzurri strameritatamente in vantaggio.

Nella ripresa la musica non cambia: la squadra di Sarri martella e già nei primissimi minuti del secondo tempo potrebbe raddoppiare. Occasione per Hamsik (tiro respinto di piede, in Garella Style, da Sorrentino), poi ancora palo di Higuain con un destro rasoterra a giro da fuori area.

Al 65′ Insigne viene sotituito: esce visibilmente contrariato, va in panchina non salutando nemmeno Mertens che sembra ancora più arrabbiato del compagno di squadra.

Pochi minuti ed il belga è già protagonista: azione personale sulla sinistra, tiro e palla sul palo.

Mertens può festeggiare però quando Allan trova un corridoio centrale e allarga sulla fascia mancina: l’ex Psv Eindhoven controlla il pallone che spedisce in fondo al sacco con rasoterra a giro. Gol di rabbia e senza esultanza. Napoli-Palermo 2-0 e azzurri che restano in scia della Roma pur con qualche polemica di troppo (nel dopopartita si fa sentire anche il procuratore di Gabbiadini con un tweet che mostra l’attaccante in panchina con la didascalia ‘viene da piangere’).