Operato a Villa Stuart Arek Milik. Il giocatore è stato sottoposto all’intervento di ricostruzione del legamento crociato anteriore.

TIMORI SPAZZATI VIA

Il Napoli fa sapere che l’operazione è durata 40 minuti e che è perfettamente riuscita. L’attaccante si è infortunato nella gara contro la Danimarca sul finire del primo tempo, dopo aver procurato il rigore del momentaneo 2-0 della Polonia che ha poi vinto 3-2. Resterà ora un paio di giorni ancora in clinica per il regolare decorso post-operatorio, poi verrà dimesso e comincerà l’iter riabilitativo a Castelvolturno. Ecco le parole del dottor De Nicola, medico responsabile del Napoli presente in sala operatoria, a Radio Kiss Kiss Napoli: “Intervento perfettamente riuscito. Al momento della diagnosi c’erano dei dubbi, pensavamo ci fossero altre lesioni ma il suo ginocchio sta perfettamente, al di là del danno al legamento. In questo momento il ragazzo si è svegliato dall’anestesia, sta bene, è un ragazzo forte caratterialmente ed ha affrontato la cosa con serenità e determinazione, credendo nella sua forza mentale e fisica. Ha preso bene la cosa ed ha fiducia nello staff”.

TEMPI DI RECUPERO

De Nicola dà una stima su quando sarà possibile rivederlo in campo: “Speriamo di vederlo correre a gennaio, voglio essere ottimista: i tempi di recupero saranno più brevi di quelli che per precauzione dichiariamo, diciamo tre mesi, tre mesi e mezzo, ma speriamo anche molto meno. Ovviamente non vogliamo forzare il recupero e lavoreremo per farlo riprendere al massimo. Anche quando si operò Insigne De Laurentiis si presentò a Villa Stuart, chi sta male ha bisogno di queste presenze per poter restare tranquillo, e il gesto del presidente dimostra che è una grandissima persona. E’ tornato proprio per star vicino ad Arek”. In attacco a Sarri resta Gabbiadini che sta rinnovando e sarà costretto agli straordinari. Poi a gennaio de Laurentiis potrebbe intervenire sul mercato: l’obiettivo numero è Pavoletti del Genoa.