Napoli-Milan 1-1 e azzurri che vedono sfumare l’occasione del sorpasso ai danni della Juventus.

Primo tempo che segue lo spartito che in molti si attendevano. Azzurri all’arrembaggio alla ricerca del vantaggio, rossoneri con linee di centrocampo e difesa molto strette a non concedere spazio agli avversari.

La mossa di Mihajlovic funziona per la prima mezz’ora, all’interno della quale il Napoli, pur dominando a livello di possesso palla e predominio territoriale, si segnala solo per un paio di accelerazioni concluse da Insigne (tiro a giro fuori dallo specchio) ed Higuain (conclusione deviata da Alex in calcio d’angolo).

Poi la squadra di Sarri alza i ritmi e sono guai grossi per la difesa rossonera. Un paio di calci d’angolo fanno da preludio alla rete di Insigne, che capisce che una partita del genere può sbloccarsi anche tentando la fortuna da fuori area. Minuto 39′. Tiro dalla distanza deviato da Abate e palla che finisce nell’angolino alla sinistra di un Donnarumma non esente da colpe.

La partita si mette a questo punto nelle condizioni più favorevoli al Napoli, che sogna già di andare a nozze negli spazi che il Milan inevitabilmente concederà.

Speranze gelate al 43′: cross di Honda sul secondo palo, dormita difensiva degli azzurri e Bonaventura, lasciato tutto solo da Callejon che non chiude la diagonale, bravo a far secco Reina con un tiro al volo. Squadre che vanno al riposo sull’1-1.

Nella ripresa la musica non cambia. Partenopei all’assalto, ma che per più di venti minuti non trovano lo specchio della porta. Al 21′, però, il Napoli va vicinissimo al bersaglio grosso con un destro da centro area di Mertens (subentrato a Callejon su cross di Hysay. Palla sul palo.

Napoli in pressione, Milan che tiene anche tutti gli undici dietro la linea della palla.

Al 25′ Sarri viene espulso per proteste. Gli azzurri cercano il tutto per tutto: Gabbiadini al posto di Allan per un 4-2-4 iperoffensivo.

La mossa produce un paio di occasioni da gol. Una con Higuain (tiro in corsa ad anticipare Zapata su cross basso di Ghoulam) , l’altra, più ghiotta, con El Kaddouri. Al 46′ il marocchino (entrato al posto di ) spara tra le braccia di Donnarumma da ottima posizione.

Non c’è più tempo per altre chances, finisce 1-1. Il Milan tiene e porta a casa il decimo risultato consecutivo, la Juventus sentitamente ringrazia.

Napoli che deve operare diverse riflessioni. Sia a livello tattico (gli avversari iniziano a conoscere il Sarri-pensiero ed agiscono di conseguenza) che su una condizione non più brillante come quella di poche settimana fa e qualche limite caratteriale. In una partita che avrebbe potuto restituire agli azzurri la testa della classifica, a mancare sono stati proprio gli uomini più rappresentativi: Hamsik, Insigne, ed Higuain hanno abdicato al loro ruolo di trascinatori.