E così, il grande giorno è arrivato. Napoli-Inter stasera si affrontano al San Paolo in un match che, seppur non decisivo in chiave scudetto (“ci sono ancora 75 punti in gioco” per dirla à la Sarri), molto dirà sulle possibilità tricolori di partenopei e nerazzurri.

Napoli-Inter, come arriva il Napoli

Gli azzurri hanno infilato 11 vittorie ed un pareggio (0-0 col Genoa) nelle ultime 12 partite, tra campionato ed Europa League. Competizioni nelle quali la porta azzurra è inviolata da 632 minuti.

Sarri stasera torna a schierare Reina, Albiol, Jorginho ed Higuain, ai quali è stata risparmiata la trasferta belga. 4-3-3 confermato per gli azzurri.

Davanti al numero uno spagnolo agiranno i ‘soliti’ quattro: Hysaj e Ghoulam esterni con Koulibaly ed Albiol centrali. A centrocampo il regista è Jorginho, ai suoi lati Allan ed Hamsik. Callejon, Higuain, Insigne il trio d’attacco.

Napoli-Inter, come arriva l’Inter

Napoli in forma, ma una Inter non è da meno. I nerazzurri vengono da quattro vittorie consecutive in campionato e con l’indubbio vantaggio di non arrivare dallo stress di una partita infrasettimanale.

Tra i nerazzurri non ci sarà Kondogbia, vittima di un problema muscolare lo scorso mercoledì. Mancini si affida ad Handanovic tra i pali con D’Ambrosio e Juan Jesus (o Telles) esterni, Miranda e Murillo centrali. Guarin, Medel Brozovic a metà campo. In attacco dubbio tra Icardi e Jovetic probabilmente risolto a fvore dell’argentino, ai cui lati ci saranno Perisic e Ljajic.

Napoli-Inter, probabili formazioni
NAPOLI (4-3-3): Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Allan, Jorginho, Hamsik, Callejon, Higuain, Insigne. Allenatore: Sarri.
INTER (4-3-3): Handanovic, D’Ambrosio, Miranda, Murillo, Juan Jesus, Guarin, Medel, Brozovic, Ljajic, Icardi, Perisic. Allenatore: Mancini.
Arbitro: Orsato

Napoli-Inter, la diretta

A Napoli-Inter assisteranno 55mila spettatori. Allertati 1000 agenti e 700 steward. Dirette su Sky (telecronaca di Maurizio Compagnoni e seconda voce affidata a Luca Marchegiani) e Mediaset (telecronaca di Sandro Piccinini e seconda voce Roberto Cravero).