L’ultimo quarto di finale valevole per il cammino in Coppa Italia vede la sfida tra Napoli e Inter, due club attualmente agli antipodi sia da un punto di vista di gioco e risultati sia sotto l’aspetto psicologico. I partenopei viaggiano sull’onda dell’entusiasmo per aver raggiunto la terza posizione solitaria in campionato a soli 4 punti di distanza dalla Roma, l’Inter invece, nonostante la sontuosa campagna acquisti, complice la brutta sconfitta a Sassuolo, transita pericolosamente nelle zone scricchiolanti della classifica respirando aria di crisi.

Benitez conosce bene Mancini avendolo avuto come acerrimo avversario ai tempi della Premier e per tale motivo chiede ai suoi di non abbassare la guardia contro una squadra capacissima di tutto e comunque tecnicamente forte, almeno sulla carta. Ci sarà Andujar tra i pali mentre in difesa sono pronti Koulibaly, squalificato a Verona, e Strinic. Inler e Gargano favoriti per la mediana poi i soliti De Guzman, Hamsik, Callejon e Higuain a completare il 4-2-3-1.

Per l’Inter la Coppa Italia potrebbe forse rappresentare l’unico obiettivo realisticamente centrabile della stagione e una vittoria al San Paolo contro una squadra prestigiosa come il Napoli allontanerebbe anche le oscure ombre della crisi, visto lo scarso rendimento in campionato. Mancini sa di giocarsi importanti chance per riacquisire consensi da parte di società e tifosi, ma in caso di ulteriore sconfitta saranno dolori. Nagatomo rientra dalla Coppa d’Asia, in difesa tornna Juan Jesus (squalificato in campionato) a centrocampo Kuzmanovic potrebbe essere preferito a Guarin in coppia con Medel. Per il reparto avanzato gioca chi ha fatto panchina col Sassuolo, ovvero Hernanes, Brozovic e Icardi (entrato nel secondo tempo).

Napoli (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Koulibaly, Albiol, Strinic; Inler, Gargano; Callejon, Hamsik, De Guzman; Higuain. All. Benitez

Inter (4-2-3-1): Handanovic; Nagatomo, Ranocchia, Juan Jesus, Dodò; Medel, Guarin; Shaqiri, Brozovic, Hernanes; Icardi.