“Uno scontro tra deluse”.

Montella e Benitez (per le dichiarazioni dell’allenatore partenopei premi qui) sono completamente d’accordo su un punto: Napoli-Fiorentina non è una semplice gara di campionato, bensì un modo per riscattarsi dall’uscita europea.

E’ cosa nota, infatti, che le due compagini solo qualche giorno fa abbiano dovuto salutare l’Europa League (per approfondimenti clicca qui): nel sonno dei viola, ancora l’incubo della splendida punizione di Pirlo a infrangere speranze e programmi; negli occhi e nelle orecchie dei partenopei, invece, ancora l’esultanza di Ghilas e il silenzio che ne è susseguito sugli spalti del San Paolo.

Fuorigrotta ammutolita, che però accoglierà il match di campionato con gli altri “esclusi”, in programma nel pomeriggio alle ore 18,30.

La gara è delicata e serve una vittoria per poter spezzare la maledizione abbattutasi su un viaggio in Europa sciagurato.

Servono tre punti per poter voltare completamente pagina e dedicarsi solo al campionato e alla Coppa Italia, competizione che vedrà le due squadre affrontarsi nuovamente (leggi qui i dettagli).

C’è un bel distacco tra gli azzurri e i viola nei 74 precedenti in Campania, dei quali 66 in campionato e 8 in Coppa Italia. Sono infatti ben 33 le vittorie dei padroni di casa con 96 gol, 16 quelle degli ospiti con 73 reti . I pareggi sono 25.

L’ultima vittoria del Napoli risale al settembre 2012 per il risultato di 2-1 con Hamsik, Dzemaili e Jovetic in qualità di marcatori. L’ultimo pareggio non ha visto reti ed è datato settembre 2011, mentre l’ultima vittoria della Fiorentina risale al marzo 2010 con gol di Lavezzi, Jovetic e doppietta di Gilardino (1-3 il risultato finale).

La gara sarà diretta da Tagliavento di Terni e visibile su Premium Calcio HD; Sky Supercalcio HD e Sky Calcio 3 HD.

Benitez (foto by Infophoto) farà ruotare la rosa, dunque il suo consueto 4-2-3-1 dovrebbe vedere Reina tra i pali ed una linea difensiva formata da Reveillere e Ghoulam laterali, Fernandez e Albiol centrali. A centrocampo la coppia Inler-Jorginho mentre in attacco dovrebbero far capolino Callejon, Hamsik e Mertens dietro all’onnipresente Gonzalo Higuain. Mertens resta comunque in ballottaggio con Insigne.

Montella arriva al San Paolo con problemi in infermeria, dunque potrebbe vedersi un 3-5-2 con Neto tra i pali ed un reparto arretrato composto da Tomovic, Gonzalo e Savic. Alla lista degli infortunati si sono aggiunti anche Pizarro e Anderson, quindi a centrocampo dovrebbero figurare Cuadrado, Ambrosini, Aquilani, Borja Valero e Pasqual. In attacco spazio a Ilicic e Gomez. Tuttavia il tecnico dei toscani potrebbe anche optare per un 4-3-3 con Tomovic, Rodriguez, Savic e Pasqual in linea difensiva, a  centrocampo Borja Valero, Aquilani e Wolski, e in attacco il tridente Gomez-Joaquin-Cuadrado.

Napoli (4-2-3-1): Reina, Reveillere, Fernandez, Albiol, Ghoulam, Inler, Jorginho, Callejon, Hamsik, Mertens, Higuain. All. Benitez

Fiorentina (3-5-2): Neto, Tomovic, Gonzalo, Savic, Cuadrado, Ambrosini, Aquilani, Borja Valero, Pasqual, Ilicic, Gomez. All. Montella