Il Napoli è ancora fresco della splendida vittoria in campionato con il Milan (per la cronaca clicca qui). Il morale è alto dopo la bella prestazione espressa sul terreno di gioco dai partenopei, tuttavia si respira ancora un clima di freddezza per le contestazioni nei confronti di Aurelio De Laurentiis (foto by Infophoto) viste al San Paolo (leggi gli approfondimenti). Proprio il presidente del club campano ha voluto dire la sua sull’argomento, in occasione della conferenza  stampa di presentazione del suo ultimo film “Sotto una buona stella”, in uscita nelle sale italiane il prossimo 13 febbraio. “Da quando è partita la mia gestione non ci siamo mai fermati e il club ha avuto una crescita continua – ha dichiarato l’imprenditore – In pochi anni siamo passati dal 500esimo posto al 20esimo del ranking. Con Benitez c’è grande sintonia e sarà il nostro allenatore del futuro. Resterà a lungo con noi e con lui vogliamo vincere su tutti i fronti. Darà quel profilo più internazionale che ci mancava. Stiamo lavorando affinché la squadra diventi più forte, ma bisogna farlo gradatamente. Per vincere c’è bisogno di continuità, non di isterismi dannosi. Importante per questo obiettivo è anche il San Paolo (per approfondimenti sullo stadio clicca qui), che io voglio rinnovato e di livello internazionale. La mia intenzione è quella di creare una struttura moderna con un progetto all’avanguardia. Mi auguro che Sindaco e Giunta Comunale lo capisco”.

Intanto la squadra è già al lavoro per il match che la vedrà impegnata mercoledì sera in Coppa Italia con la Roma nella semifinale di ritorno.

Gli uomini di Benitez hanno svolto riscaldamento con il pallone ed una intensa seduta tecnico-tattica sotto la pioggia. Successivamente partitella a campo grande con le quattro porte piccole.

Mesto si è prima allenato con il gruppo per poi seguire la sua tabella di lavoro personalizzato. Ancora differenziato per Reveillere.

Notizie non molto positive arrivano però sul fronte “squalifiche”. La prossima gara di campionato del Napoli è contro il Sassuolo, e la compagine vi arriverà decimata a causa della squalifica da parte del Giudice Sportivo di alcuni calciatori.

Inler, Jorginho e Callejon sono i grandi esclusi dal match.

A cura di Maria Grazia De Chiara