Una vita fatta di pane e pallone. Una giovinezza trascorsa a correre dietro ad una sfera sul rettangolo verde. Per Carmelo Imbriani il calcio era più di una semplice professione. Una vera e propria passione da quando, cresciuto nelle giovanili del Napoli, era passato in prima squadra.

Successivamente Genoa, Catanzaro ed altre compagini per poi approdare a Benevento, tra la sua gente, prima come calciatore poi come allenatore.

Si faceva voler bene Carmelo. La sua umiltà traspariva in campo e fuori: nella vita quotidiana che lo vedeva impegnato in tante iniziative di solidarietà.

Un cancro purtroppo lo ha precocemente strappato alla vita, ma tutti coloro che lo hanno conosciuto hanno voluto ricordarlo nella prima edizione del Memorial  ‘In campo per Carmelo’, svoltasi nella giornata di ieri, 26 maggio 2014, presso l’Antistadio di Benevento.

Un evento di sport aperto a tutti senza alcun pregiudizio. Una valida occasione per poter vedere in campo il calcio nella sua forma più pulita e sana.

Tanti i presenti appartenenti al mondo dello spettacolo ed in particolar modo del pallone.

Palladino, Molinaro, D’Ambrosio, Frustalupi, Ametrano, Altomare, Mascara, Scarlato, Grava, Pecchia e tutto lo staff medico della SSC Napoli, coordinato dal dr Alfonso De Nicola, sono stati solo alcuni dei nomi illustri impegnati a disputare un quadrangolare nella serata volta a ricordare l’ex Napoli all’insegna della solidarietà e dell’amicizia.

Momenti di riflessione alternati a momenti di divertimento, con le incursioni di alcuni comici napoletani, dei protagonisti di Made in Sud e con la conduzione di Andrea Pressenda e Jolanda De Rienzo.

La serata ha visto anche la presentazione del libro ‘Il Passaporto Ematico’ di Davide Polito, da tempo in prima linea con lo staff medico del Napoli per l’approvazione di una legge che preveda controlli ematici completi e continuativi per tutti gli iscritti a squadre sportive sia agonistiche che amatoriali al fine di prevenire gravi malattie.

Premiazioni, ma anche tanti gadget e magliette firmate da grandi campioni quali Messi, Cristiano Ronaldo, Benzema, Bale, Llorente, Zanetti etc., che nei prossimi giorni saranno messi all’asta sul sito ufficiale dell’associazione ‘Imbriani non mollare’, ultimo grido capace di unire le curve e i giocatori di tutta Italia nel momento più difficile dell’ex centrocampista.

Diceva Carmelo: “Il calcio finisce, la vita resta e voglio sempre dare, come uomo, un ricordo importante”.

Sicuramente ci è riuscito.

(foto by Infophoto)