Botta e risposta tra l’allenatore del Napoli, Maurizio Sarri, e il presidente del club partenopeo, Aurelio De Laurentiis: ieri il tecnico aveva lamentato una certa assenza da parte della società, invitandola a farsi sentire per commentare i casi arbitrali di ieri sera, che hanno fatto letteralmente infuriare Sarri. Questo, a detta dell’allenatore, per evitare che lui stesso subisca una sovraesposizione mediatica e per consentirgli di parlare unicamente di calcio, evitando – parole sue – di passare per uno che si lamenta. Nel caso specifico, su due episodi controversi in cui il Napoli aveva reclamato due rigori (mani di Ocampos e trattenuta su Milik).

La replica del presidente De Laurentiis non si è fatta attendere, ed è arrivata con una nota sul sito ufficiale del Napoli: «Ho visto dalla Cina Genoa-Napoli, una partita bellissima tra due squadre che si sono affrontate a viso aperto. Ci sono state alcune decisioni arbitrali sfavorevoli, ma le decisioni degli arbitri, nel bene e nel male, vanno rispettate. Sono le regole del nostro calcio e se partecipiamo a questa competizione non dobbiamo cercare nessun tipo di alibi». Il numero uno del club azzurro ha poi continuato con le sue dichiarazioni: «Anche se siamo il quinto fatturato, abbiamo investito 128 milioni nel mercato quest’anno per poter dare ai napoletani e all’allenatore una squadra competitiva, e da quello che è emerso finora mi sembra che il Napoli sia molto competitivo. Non mi resta che fare i complimenti alla squadra e all’allenatore per la partita di ieri».