“Il Porto è forte, ma il Napoli ha la capacità di superare il turno”. Benitez (foto by Infophoto) è fiducioso sul match di ritorno che, dopo la sconfitta in Portogallo (per la cronaca della gara clicca qui), vedrà gli azzurri impegnati contro la squadra di Castro la prossima settimana al San Paolo.

Il tecnico dei partenopei ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio24 ed è apparso molto determinato nel tutelare la propria compagine, anche nelle modalità di gioco.

“Inizialmente volevamo aspettarli per poi aggredirli. Nel primo tempo abbiamo creato alcune occasioni, ci è mancato solo l’ultimo passaggio. Nel secondo tempo è aumentata la nostra manovra e per un pelo non si è andati a segno.

Mi è stato chiesto della rotazione dei giocatori, e a questa domanda ho risposto che certe scelte le ho fatte per garantire maggiore forza alla squadra, anche per alcuni infortuni ed esigenze che avevamo in organico. Abbiamo cercato maggiore attitudine difensiva.

Il mio principio è pensare partita per partita. Ora c’è il Torino, poi ci sarà nuovamente il Porto”.

A Benitez, però, è stato chiesto anche di commentare l’opaca prestazione di Marek Hamsik (per la pagella del giocatore leggi qui).

“Non gli era mai accaduto di restare fermo due mesi. Adesso sta giocando con più continuità ed ha la nostra fiducia. Darà il massimo nel finale di stagione”.

Tuttavia è proprio lo slovacco a preoccupare, dopo le parole da lui espresse nel post-gara di Europa League.

“Non riesco ad essere come prima. Non riesco a fare le mie giocate. Dipende da me, ma cercherò di fare il massimo per ritrovare la mia condizione”.

Il centrocampista ha ammesso palesemente le proprie difficoltà sul campo.

Intanto la lista degli infortunati aumenta, dopo quanto occorso nella giornata odierna a Christian Maggio (per approfondimenti clicca qui).

Nulla di grave per l’esterno, ma rischia di stare lontano dal terreno di gioco per un tempo maggiore di quello previsto.