Rafa Benitez (foto by Infophoto) ha rilasciato un’intervista esclusiva ai microfoni di Radio Kiss Kiss. Parole interessanti quelle pronunciate dal tecnico del Napoli, il quale si è soffermato sul match di Coppa Italia cui gli azzurri saranno impegnati nella serata di domani (per approfondimenti sulla preparazione della gara clicca qui) ed in linea generale sul progetto di De Laurentiis.

“La trasferta di Verona era difficile ma i ragazzi hanno fatto un grande lavoro, mostrando determinazione e carattere. Domani contro l’Atalanta sarà difficile, dobbiamo restare concentrati. Ogni partita è una storia a sé, noi pensiamo sempre ad una partita per volta”.

Riguardo all’infermeria, Benitez ha fornito alcuni aggiornamenti: “Reina si sta allenando col gruppo ma sono contento del lavoro che sta facendo Rafael. Ho parlato con Behrami (per approfondimenti sulle sue condizioni clicca qui), potrebbe mettere un plantare ma decideremo passo passo sul da farsi. Mesto è un calciatore veloce, ci vorrà un po’ più di tempo. Zuniga sta tornando. Abbiamo preferito non rischiare Hamsik a Verona, ma adesso è pronto”.

Gennaio dunque ‘mercato’. Non vi si poteva non soffermarsi, e c’è da dire che il tecnico su questo punto è stato chiarissimo: “La Juventus sta facendo una grandissima stagione ma ci impensierisce di più la Roma. I capitolini hanno solo una partita alla settimana, noi proseguiremo il nostro percorso con giocatori di qualità. Il mercato di gennaio è difficile ma ci stiamo lavorando e stiamo valutando. Io e Bigon ci lavoreremo fino all’ultimo minuto. A Verona ero concentrato sulla partita e non ho seguito molto Jorginho, stiamo monitorando i migliori”.

Gonzalo Higuain aveva espresso la voglia di vincere qualcosa (per le sue dichiarazioni clicca qui). Voglia e volontà condivise anche dall’allenatore spagnolo che però ribadisce: “Proveremo a vincere qualcosa già quest’anno, se non dovessimo riuscirci proveremo a costruire qualcosa di importante per il futuro. Si parla del ‘Napoli di Benitez’ ma non è così. Il Napoli è di Napoli, della città e dei suoi tifosi. Noi abbiamo una mentalità vincente e devono averla tutti, senza fretta e senza pausa”.

A cura di Maria Grazia De Chiara