Parla. Parla e lo fa anche tanto. Lorenzo Insigne, attaccante del Napoli, ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport. Nessun pelo sulla lingua. Quello che pensa dice, non dimenticando di esternare il suo grande amore per Napoli e per la squadra. Lui, originario di Frattamaggiore e che sente addosso quella maglia azzurra come una seconda pelle, ha dichiarato di non ricordare più quanti legni, tra pali e traverse, abbia colpito in questo periodo. Lui, da sempre determinato e testa dura, ha avuto paura che per un attimo il destino gli avesse voltato le spalle, ed ora che sembra stia andando meglio continua a crederci, a non abbattersi e a lavorare per crescere (per leggere delle polemiche sul suo goal contro l’Atalanta leggi qui). A credere che anche per il Napoli non tutto sia deciso (del resto c’è ancora il girone di ritorno).

Lorenzo coltiva un sogno. Il giovane azzurro vuole restare nel club partenopeo e diventarne il capitano. La bandiera. Come ormai una bandiera è Marek Hamsik, il centrocampista slovacco rimasto lontano dai campi da gioco per 53 giorni. Troppo tempo per un giocatore come lui, tutto impegno e sudore. Marek ha ritrovato il suo Napoli in Coppa Italia contro l’Atalanta (per leggere la cronaca della partita clicca qui). Ha ritrovato il suo San Paolo proprio come lo aveva lasciato, con i tifosi che avevano fame delle sue prodezze (per approfondimenti sul San Paolo leggi qui). Il centrocampista si sta riprendendo. E’ felice. Proprio per questo ha affidato la sua gioia al suo sito ufficiale. “Sono molto contento di essere tornato, è stata ancora una volta una grande emozione. Sul campo mi sentivo bene. Sembra che il mio infortunio appartenga già al passato. Sono molto felice del fatto che abbiamo battuto l’Atalanta 3-1 e che siamo nei quarti di finale della Coppa Italia”, le parole di un piccolo grande uomo che non vedeva l’ora di sentire nuovamente quei brividi che solo il rettangolo verde sa dare ad uno che del calcio fa la sua professione.

Intanto questa mattina la squadra si è allenata a Castel Volturno. I partenopei stanno preparando la gara di campionato, valevole come prima giornata di ritorno, contro il Bologna al Dall’Ara.

Gli uomini di Benitez (foto by Infophoto) hanno svolto riscaldamento con il pallone in avvio e lavoro tecnico tattico. Successivamente la compagine si è divisa in due gruppi: chi ha giocato con l’Atalanta in Coppa ha svolto corsa e lavoro di scarico; il resto della rosa, esercitazioni attacco contro difesa e partitella 6 contro 6 a campo ridotto.

Zuniga e Mesto hanno proseguito il loro lavoro personalizzato. Ancora differenziato per Reina, mentre Cannavaro si è allenato col gruppo. Nella giornata di domani allenamento mattutino.

A cura di Maria Grazia De Chiara