Mourinho che lascia il Real Madrid tra le polemiche e, protetto dalle confortevoli mura di casa Chelsea, spara a zero sul suo vecchio feudo, in particolar modo sul cavalier Cristiano Ronaldo (foto by InfoPhoto): i bookmaker non avevano fatto nemmeno la quota; anche perché lo Special One si era portato avanti nel corso delle sue ultime settimane madrilene, attaccando violentemente Pepe e Casillas, due dei numerosi nemici giurati che si è guadagnato nel triennio alla Casa Blanca, oltre allo stesso Ronaldo. Ma è sempre divertente leggere gli strali dell’ayatollah di Setubal, per cui forza e coraggio:

Su Cristiano Ronaldo:

Forse pensa di sapere tutto, è convinto che un allenatore non possa farlo crescere ulteriormente. Con lui ho avuto un problema molto semplice: l’ho criticato dal punto di vista tattico e non l’ha presa bene. Nelle ultime settimane aveva un problema alla spalla e io non dubito mai degli acciacchi dei giocatori. Con me però ha disputato tre stagioni fantastiche, non so se le migliori della sua carriera, ma di certo abbiamo trovato una soluzione tattica perfetta per consentirgli di esprimere tutto il suo potenziale in gol”

Sul “traditore” Pepe:

“ Era con un piede e mezzo fuori dal Real, io l’ho riportato dentro e ho lottato perché avesse un contratto adeguato. Poi ha cominciato a giocare un ragazzo che ha 13 anni meno di lui (Varane, ndr), un ragazzo che per me meritava di giocare e lui non l’ha accettato”

Sui bilanci e rimpianti del triennio al Real Madrid:

“Sono fiero di essere stato al Real, ho sempre pensato che la mia carriera non avrebbe avuto senso se non avessi allenato un club così grande. Ma la cosa migliore per i giocatori era che andassi via, anche se non mi pento di nulla, non ne vale la pena

Sul suo successore:

Spero che Ancelotti, o chi per lui, non venga definito un pacificatore, non se lo merita, spero anzi che abbia un appoggio totale e sia molto felice. Il prossimo allenatore potrà dire come ha trovato la squadra e avrà tutto a sua disposizione. Non abbiamo resettato i computer né diffuso virus e mi auguro che abbia l’onestaà per dire quali dinamiche di gruppo abbia trovato