Dopo oltre 18 anni, si appresta a tramontare l’era di Massimo Moratti (foto by InfoPhoto). Entro pochi giorni verrà definito il passaggio del 40% delle quote dell’Inter al magnate indonesiano Erick Thohir, ma è solo l’inizio: l’accelerata decisiva alla trattativa, imbastita già da settimane, è arrivata quando Moratti ha accettato di cedere tutte le sue quote al gruppo indonesiano entro tre anni al massimo. Un sacrificio che, per dirla con il presidente nerazzurro, va tutto “per il bene dell’Inter”. E per una volta ha ragione.

Massimo Moratti manterrebbe la presidenza in questo interregno, per garantire la continuità con la presente gestione e favorire l’ingresso morbido di Thohir in un mondo che non conosce, soprattutto per ciò che riguarda gli sponsor e le questioni istituzionali. Ma, naturalmente, ci sarà un bel rimpasto a livello di management (Branca ha i mesi contati) e sin da subito gli uomini di Thohir avranno voce in capitolo nelle decisioni strategiche. Fino al passaggio definitivo del testimone.