Bella, vincente, riservata, modesta, signora e da oggi anche nella storia, perché nessuna, prima di lei, aveva saputo conquistare l’oro iridato in superG da campionessa olimpica in carica. Quattro anni dopo l’oro in supercombinata a Garmisch 2011 e due anni dopo il bronzo in gigante a Schladming 2013, Anna Fenninger, austriaca dal land del Salisburghese, 1 vittoria e sette secondi posti in Coppa del Mondo nella disciplina, si aggiudica un’altra medaglia del metallo più prezioso nel supergigante che ha aperto i Mondiali di Beaver Creek.

GARA

La venticinquenne di Zwilling si è messa alle spalle la concorrenza qualificata in una giornata delicata sotto il profilo meteorologico, con il vento che ha costretto la giuria ad abbassare di sei porte la partenza e forti folate che hanno inevitabilmente condizionato la prova di alcune concorrenti. Fenninger invece ha assecondato le difficoltà della pista, battendo di un niente (appena 3 centesimi) una competitiva Tina Maze, alla settima medaglia iridata in carriera ma la prima nella specialità, mentre il bronzo è finito al collo per 15 centesimi di troppo della paladina di casa Lindsey Vonn, al sesto podio della serie e applaudita dal fidanzato Tiger Woods al traguardo. Deluse di giornata Lara Gut, vincitrice qui un anno fa in Coppa del Mondo e grande favorita con la Vonn, solo settima per non aver sciato come sa fare sul muro iniziale, ed Elisabeth Goergl, uscità a metà tracciato quando stava volando…

AZZURRE

In casa Italia accogliamo il buon decimo posto di Elena Curtoni, evidentemente a proprio agio nella specialità che nel 2011 a Garmisch la fece conoscere al mondo con un inaspettato sesto posto. La valtellinese ha pagato cara un’intraversata a poche porte del traguardo che le ha tolto velocità proprio per il tratto finale. Dodicesima Nadia Fanchini, mentre Francesca Marsaglia è finita diciottesima. Scivolata senza conseguenze per Daniela Merighetti, coraggiosa nel presentarsi al cancelletto pochi giorni dopo la terribile caduta di cortina che le procurò la frattura della mandibola. La bresciana sarà certamente protagonista in discesa venerdì.

ORDINE D’ARRIVO SUPERG MONDIALE VAIL 2015:

1 FENNINGER Anna AUT 1:10.29
2 MAZE Tina SLO 1:10.32 +0.03
3 VONN Lindsey USA 1:10.44 +0.15
4 HUETTER Cornelia AUT 1:10.55 +0.26
5 REBENSBURG Viktoria GER 1:11.07 +0.78
6 WEIRATHER Tina LIE 1:11.32 +1.03
7 GUT Lara SUI 1:11.57 +1.28
8 KLING Kajsa SWE 1:11.76 +1.47
9 MANCUSO Julia USA 1:11.94 +1.65
10 CURTONI Elena ITA 1:11.97 +1.68

12 FANCHINI Nadia ITA 1:12.17 +1.88
18 MARSAGLIA Francesca ITA 1:12.62 +2.33
MERIGHETTI Daniela ITA ritirata