RIVIVI LA GARA D’ORO DI CAPPELLINI-LANOTTE AI MONDIALI!

In Giappone, al termine del programma libero della gara femminile non priva di sorprese e colpi di scena, Mao Asada, beniamina di casa e già in testa dopo il corto, va a prendersi con merito il suo terzo titolo iridato, collocandosi così tra le più grandi di sempre, conquistando la medaglia d’oro con il punteggio complessivo di 216,69 punti.

La giovanissima russa Lipnitskaia, la delusione dei Giochi olimpici, ma campionessa europea in carica e sicuramente pattinatrice del futuro, recupera una posizione (era terza) dopo il corto e chiude d’argento al termine di un programma con una caduta sul triplo Salchow e non privo di sbavature, ma sempre con le sue trottole eccezionali, a quota 207,50.

E bronzo, comunque meraviglioso perché rappresenta il 20° podio consecutivo dal 2011 in gare di alto livello (con in mezzo il titolo iridato del 2012 e il bronzo olimpico di Sochi un mese fa abbondante) per Carolina Kostner, caduta sul secondo salto della sua prima combinazione, triplo-toeloop, e poi ancora in difficoltà nel completare altri salti. Per l’azzurra, che potrebbe chiudere oggi la sua carriera, 203,83 punti.

Sedicesima Valentina Marchei.