L’Unione europea sta prendendo in considerazione la possibilità di boicottare i Mondiali di Russia 2018. L’obiettivo è quello di indurre il presidente russo Vladimir Putin a modificare la propria posizione sull’Ucraina. A scriverlo è il Financial Times sostenendo che l’ipotesi è emersa nel corso di una riunione dei rappresentanti permanenti presso l’Ue. Il boicottaggio non fa parte della lista di nuove sanzioni che i 28 sono pronti a varare ma non è escluso che la Russia venga sospesa “da eventi internazionali di primo piano in campo economico, culturale e sportivo”.

La minaccia in campo sportivo non si limiterebbe alla Coppa del Mondo di calcio ma anche alle coppe europee, con in testa la Champions League, e alla Formula 1 in programma nel nuovo circuito di Sochi a ottobre. A spingere per il boicottaggio sarebbe il premier britannico David Cameron, 34 anni dopo lo storico boicottaggio delle Olimpiadi di Mosca per l’invasione dell’Afghanistan. Quattro anni dopo, l’Urss e i paesi del blocco di Varsavia adottarono la stessa strategia con le Olimpiadi a Los Angeles.

Per quanto riguarda la Coppa del Mondo, Putin difficilmente sarà privato dell’appoggio della Fifa. A meno di nuove pressioni internazionali, il governo del calcio mondiale difficilmente farà una valutazione oggettiva della situazione politica e umanitaria del Paese ospitante: “La Fifa ha già detto che il calcio e lo sport in generale sono fuori dalla politica. Penso che questo sia l’unico approccio corretto”. Non la pensa in questo modo il popolo della rete: su Facebook compaiono già diversi gruppi, in lingua inglese, che propongono di boicottare l’evento. Il “No Russian World Cup in 2018″ vanta oltre 6500 followers.

Il Mondiale 2018 segue quello recente svoltosi in Brasile, un altro evento profondamente contestato, in quel caso più dalla popolazione locale che dagli osservatori internazionali, ma che alla fine si è svolto in una situazione di apparente ordine, almeno nei luoghi interessati della competizione.

photo credit: Palazzochigi via photopin cc

LEGGI ANCHE

Abramovich arrestato: “Sospetti di corruzione per i Mondiali

Mondiali 2022 Qatar: scandalo di corruzione, Australia alla finestra

Mondiali: gli stadi e il concreto rischio elefanti bianchi

Gaffney “Il modello di business della FIFA è molto ingiusto”

Mondiali Brasile 2014: le spese esorbitanti che la popolazione non vuole

Mondiali Brasile 2014: un Paese che protesta per tanti e validi motivi

Mondiali: la festa che non può esserci in un clima infuocato