Questa sera a Londra l’Italia affronterà l’Irlanda in un test match fondamentale in vista delle convocazioni definitive di Cesare Prandelli per il Mondiale brasiliano. A Craven Cottage, casa del Fulham, i riflettori saranno puntati principalmente su Giuseppe Rossi (foto by InfoPhoto): il commissario tecnico muore dalla voglia di portarlo in Brasile, ma ha bisogno di conferme dal punto di vista della condizione atletica.

Non solo Pepito Rossi: gli occhi di Prandelli scandaglieranno attentamente anche Gabriel Paletta e Andrea Barzagli, altri due elementi importanti (soprattutto il secondo, ovviamente) che sono alle prese con uno stato di forma non esattamente brillante. Anche per questo motivo, il cittì sta meditando se portare in Brasile 24 o addirittura 25 giocatori, in modo da poter valutare fino all’ultimo istante disponibile lo stato di salute del gruppo e, nel caso, operare uno o due cambi al fotofinish.

Contro l’Irlanda è probabile il ricorso al consueto 4-3-1-2, ma le indiscrezioni parlano di un Prandelli intenzionato ad aggiungere un altro modulo alla rosa delle possibili soluzioni, con De Rossi davanti alla difesa, Pirlo playmaker davanti a lui e due mezzali (presumibilmente Marchisio e Verratti) a giostrare ai suoi lati. E’ possibile che questo nuovo schieramento venga provato domenica prossima, giorno dell’ultimo test pre-Mondiale a Rio contro il Fluminense.

LEGGI ANCHE:

Arriva WagsApp, la app per seguire le wags…

Mondiali, il modello FIFA è ingiusto

Buffon-record, è al quinto Mondiale