Giovanni Trapattoni, un arrivederci, non un addio. Il tecnico italiano, insieme al suo staff, da Marco Tardelli in giù, lascia l’Irlanda dopo 5 anni di imprese sfiorate e, alla veneranda età di 74 anni, è di nuovo pronto a mettersi in discussione.

L’ideale sarebbe vederlo di nuovo alla guida di una squadra di club, ma occorrerà vedere se e quali offerte gli arriveranno.

Tra i suoi primati, c’è quello di essere uno degli allenatori più presenti nella storia del calcio italiano. Con 689 panchine segue infatti sul podio Carlo Mazzone (792) e Nereo Rocco (787), ma nessuno, con 7 scudetti al suo attivo, ha vinto così tante volte la Serie A.

Insieme al tedesco Udo Lattek è il solo ad aver vinto le 3 competizioni europee (Coppa Campioni, Coppa Coppe e Coppa Uefa), ma lui ha vinto anche la Supercoppa Europea.

Solo Alex Ferguson, con 10 euro-finali al suo attivo, lo precede, anche se il numero di vittorie continentali (6) è lo stesso.

La sua avventura con l’Irlanda finisce in Austria, nazione in cui peraltro aveva lavorato ai tempi del Salisburgo. Altre esperienze al’estero le ha avute con Benfica, Stoccarda e Bayern, mentre in Italia ha allenato Milan, Juventus, Inter, Cagliari e Fiorentina.

Con Mourinho e il suo grande rivale Happel (che gli negò la Coppa Campioni ad Atene, Amburgo-Juventus 1-0 nel 1983) è il solo ad aver vinto lo scudetto in quattro nazioni diverse.

Presto lo rivedremo in pista. Su quali teleschermi?

Foto: Infophoto.