La bagarre tra la famiglia Grondona e Maradona è inarrestabile e senza freni.

Julio Grondona, spalleggiato dal figlio, in occasione della vittoria della Nazionale argentina contro l’Iran, arrivata quando Diego Armando Maradona aveva lasciato il posto sulle tribune del Mineirao di Belo Horizonte, aveva esclamato: “I gufi stiano lontani dall’Argentina”.

Non contento, Grondona aveva aggiunto: “La vittoria è arrivata quando lo iettatore se n’è andato”.

Non poteva dunque non esserci la risposta dell’ex calciatore argentino, il quale ha dichiarato davanti alle telecamere di Telesur, dove fa parte di un programma sui Mondiali: “Ho sentito dire che secondo qualcuno il goal di Messi è arrivato  quando io me ne sono andato. Beh, a questa persona posso solo dire che è un povero stupido. Il gol e la vittoria sono merito di Lionel”.

Colpito ed affondato.

Ma l’ex Pibe de Oro ha voluto proseguire  ritornando sulle accuse da lui mosse in passato proprio contro il boss della Federcalcio argentina: “A Grondona dico solo che tutto quello che ho me lo sono guadagnato lavorando duramente. Quello che lui ha, viene invece dalla Fifa…”. Intendendo ovviamente fare un riferimento a Blatter, molto contestato dal campione proprio nei giorni scorsi.

Maradona non si è fermato qui. Infatti, dopo la risposta tagliente, ha mostrato un bel dito medio all’intero Sudamerica in diretta tv.

(foto by Infophoto)