Sta per volgere al termine #lacoppaditutti, l’iniziativa lanciata da Coca-Cola per comporre un grande racconto collettivo dei momenti più significativi delle passate edizioni dei Mondiali attraverso i ricordi degli italiani. Un racconto, generato dall’hashtag #lacoppaditutti e dipanatosi attraverso i social network, che a partire dal 7 febbraio ha raccolto oltre 1.600 contributi fra tweet, immagini, video-interviste. Ne è scaturita una storia di emozioni, fatta di attori, luoghi ed episodi calcistici (nel 61% dei casi), ma anche legata a ricordi personali (38%). Se ne può avere un assaggio in questo video.

I Mondiali in assoluto più citati sono quelli vinti dall’Italia in Germania nel 2006 (25% dei partecipanti) ein Spagna nel 1982 (15%), seguiti da Sudafrica 2010 (14%). Il calciatore che più di tutti ha lasciato il segno nella memoria degli italiani che hanno partecipato all’iniziativa è Fabio Grosso, per il rigore che ci ha regalato il titolo nel Mondiale 2006, ma soprattutto per il gol decisivo segnato in semifinale contro la Germania.

Sul secondo gradino del podio dei calciatori memorabili c’è Fabio Cannavaro, che tutti ricordiamo mentre alza al cielo la Coppa, seguito da Paolo Rossi, capocannoniere di Spagna ‘82, determinate per la conquista del titolo. Il calciatore straniero più ricordato è Pelé. Fra i personaggi extra-sportivi più citati, l’ex Presidente della Repubblica Sandro Pertini, quando esulta sugli spalti dei Mondiali del 1982 o mentre gioca a carte con Zoff, Bearzot e Causio sul volo di ritorno in Italia, con la Coppa in bella mostra sul tavolo.

Per molti, le partite dei Mondiali hanno coinciso con la vigilia degli esami di stato, in quelle notti rese magiche dalle imprese sportive degli Azzurri e dalle note di “Un’estate italiana” cantata da Gianna Nannini ed Edoardo Bennato, spesso citata nei tweet.