Nè Carlos Tevez, nè Fernando Llorente. I due bomber principe del più recente scudetto della Juventus non saranno al Mondiale 2014. L’argentino ha realizzato 19 reti nella scorsa serie A, mentre lo spagnolo ne ha totalizzate 16. Sono quindi la coppia d’attacco più prolifica del massimo campionato italiano 2013/2014 (insieme a Cerci e Immobile del Torino, 35 gol), ma non li vedremo in Brasile. Incredibile, ma la cosa non dispiacerà troppo a Conte che li potrà avere a disposizione certamente più riposati e senza correre il rischio di infortuni. Non è comunque escluso che il Navarro rientri in qualche trattativa di calciomercato e abbandoni la Vecchia Signora.

Dell’argentino si sapeva già tutto. Non era nemmeno tra i pre-convocati del c.t. Sabella. Qualche speranza in più si aveva per il Re Leone, ma alla fine è stato escluso pure lui. Non è tra i 23 convocati della Spagna che Del Bosque porterà al Mondiale 2014.

Niente da fare per l’attaccante della Juventus. Non era stato convocato per l’amichevole vinta 2-0 dalla Roja contro la Bolivia (reti di Torres e Iniesta). Questo era già un segnale abbastanza evidente. Ora è arrivata la conferma ufficiale. Non lo vedremo neppure in Brasile. Del Bosque ha portato invece Diego Costa, centravanti dell’Atletico Madrid, che è sicuramente fortissimo, ma che negli ultimi tempi ha denotato qualche problema fisico tanto da essere sostituito a soli 8 minuti dal calcio di inizio della finale di Champions una settimana fa.

Peccato perchè Llorente se lo sarebbe meritato. Al suo primo anno in serie A ha portato a termine un campionato magnifico nel quale ha segnato ben 16 gol contribuendo in maniera importante al terzo scudetto consecutivo dei bianconeri. Il bomber di Pamplona ha dimostrato di essere un grande giocatore. Bravissimo di testa, ma abile anche tecnicamente. Ha lottato tantissimo con i difensori avversari vincendo miriadi di contrasti aerei e fornendo importantissime sponde ai compagni. Ha dimostrato di essere bravo anche con i piedi destreggiandosi pure nello stretto e non è facile per un calciatore della sua stazza.

LEGGI ANCHE:

Calciomercato Juventus: Morata, Sanchez, Mandzukic, Vidal e tutte le possibili manovre dei biancoenri