La Milano-Sanremo è la grande classica di Primavera che trasuda Storia. Basta dare uno sguardo al suo albo d’oro per capire cosa significano per il mondo del ciclismo questi 298 km di passione. Ci sono fausto Coppi, Gino Bartali, Fiorenzo Magni, Costante Girardengo, Eddy Merckx, Francesco Moser, per fare solo alcuni esempi degli straordinari ciclisti protagonisti della corsa.

Già, Francesco Moser. Il corridore di Giovo seppe trionfare nel 1984 alla Milano-Sanremo. Un successo ottenuto all’apice della carriera, proprio nell’anno del record dell’ora strappato a Città del Messico.

Nel 1984 Franceco Moser vinse in 7h22’25″ alla media di 39,872 km/h. Moser staccò di 20″ l’irlndese Sean Kelly ed il belga Eric Vanderaerden.

Professionista dal 1973 al 1988, Moser vinse fra l’altro un Giro d’Italia, tre Parigi-Roubaix, due Giri di Lombardia, una Freccia Vallone, una Gand-Wevelgem e una Milano-Sanremo, un campionato del mondo su strada e uno su pista, nella specialità inseguimento individuale.