Con le rivali che procedono a spron battuto il Milan non può più cadere nei soliti errori. Positivi i precedenti insieme alla Samp, un nuovo capitolo verrà scritto domenica.

IL MOMENTO

Usciti malconci anche dalla trasferta di Udine, i rossoneri vengono da 4 partite senza successi. Cagliari e Torino le ultime vittime, poi il crollo in verticale. Neanche sul suolo friulano le cose sono andate per il verso giusto, malgrado il vantaggio iniziale firmato Bonaventura. Tornare ai tre punti eviterebbe a quelle che stanno davanti di guadagnare ulteriore terreno, compresa l’Inter a -3 dalla Champions. Ora come ora persino l’Europa minore pare lontana, non tanto nei punti (la Lazio, con una gara in più, dista di sole tre lunghezza) quanto nella forma palesata. Per scacciare la mini-crisi servirà battere gli uomini di Giampaolo, che hanno trovato il primo successo del 2017 lo scorso week-end ai danni della Roma.

I PRECEDENTI

Sul manto erboso di San Siro le squadre torneranno a riaffrontarsi dopo il 4-1 della stagione scorsa. Bonaventura aprì le marcature, Niang rifilò una doppietta e pure Luiz Adriano trovò gioia personale; su rigore il gol della bandiera targato Eder. Allontanò il “Diavolo” dall’Europa il confronto antecedente, datato 12 aprile 2015. Soriano portò avanti i blucerchiati su magnifico passaggio di Eto’o, De Jong evitò il ko a Inzaghi. Dobbiamo invece andare indietro fino al 26 agosto 2012 per l’ultimo trionfo ospite. Match-winner Andrea Costa, imperioso nello stacco su corner. Vittoria più larga ancora il 6-1 del 1955-1956, match contraddistinto dalle eccellenti prove di Nordahl e Schiaffino che con le loro doppiette inflissero l’umiliazione ai liguri.

LE STATISTICHE

Nei 58 incontri finora disputati a Milano sono i padroni di casa a prevalere con 38 vittorie, 10 pareggi e 10 sconfitte, con 104 reti segnate e 42 subite. Attuali topscorer Carlo Bacca e Luis Muriel, rispettivamente a quota 8 e 7 centri nella massima serie.