Un Milan-Sampdoria che si presenta sotto almeno due possibili chiavi di lettura, quello in programma questa sera a San Siro nel posticipo serale della 30.a giornata. La prima, legata al presente: con sette punti di ritardo dai blucerchiati, i rossoneri potrebbero clamorosamente rilanciarsi per un posticino in Europa League, magari confidando in qualche risultato favorevole proveniente dagli altri campi (Torino-Roma e Napoli-Fiorentina in particolare). La seconda, rivolta al futuro: a incrociare le lame saranno Pippo Inzaghi e Sinisa Mihajlovic, amici fuori dal campo ma potenziali rivali dentro la panchina, quella milanista. Il serbo è considerato il candidato più autorevole alla successione di Inzaghi, il quale tuttavia non ha alcuna intenzione di mollare facilmente l’osso.

Le probabili formazioni di Milan-Sampdoria

Il tecnico piacentino può sorridere: non solo l’atmosfera attorno a lui è nettamente migliorata nelle ultime settimane, grazie alle due vittorie consecutive e al fatto che ormai l’attenzione si è concentrata sulle questioni societarie; anche l’infermeria si sta svuotando. Contro la Samp, infatti, si registrano i recuperi di Van Ginkel e Bonaventura, mentre sono in dirittura di arrivo le convalescenze di Montolivo, El Shaarawy e Honda. E così, Inzaghi potrà insistere sul suo modulo preferito, il 4-3-3, col tridente Cerci-Destro-Menez in avanti e il trio Poli-De Jong-Bonaventura in mediata. Confermatissima la difesa, probabilmente quella titolare da qui fino al termine del campionato: Abate e Antonelli sugli esterni, Mexes e Paletta davanti a Diego Lopez. Sulla sponda opposta, Miha dovrà rinunciare al solo Vasco Regini, sostituito dall’ex (si fa per dire) Djamel Mesbah. Largo al modulo Mourinho: Okaka punta centrale, poi terzetto di attaccanti di movimento, con Eder a destra, Soriano al centro e Eto’o sulla sinistra.

MILAN (4-3-3): Diego Lopez; Abate, Paletta, Mexes, Antonelli; Poli, De Jong, Bonaventura; Cerci, Destro, Menez. All. Inzaghi

SAMPDORIA (4-2-3-1): Viviano; De Silvestri, Silvestre, Romagnoli, Mesbah; Obiang, Palombo; Eder, Soriano, Eto’o; Okaka. All. Mihajlovic