Secondo quanto possiamo apprendere dall’edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, la trattativa per il passaggio di proprietà del Milan dalla famiglia Berlusconi al gruppo cinese Evergrande, sarebbe ormai cosa imminente. Addirittura si parla di una possibile chiusura nelle prossime ore, per non perdere ulteriore terreno sul mercato. Dopo aver formalizzato l’acquisto, gli imprenditori orientali si concentreranno proprio su questa sessione di calciomercato, cercando mettere a disposizione di Galliani un budget piuttosto consistente per portare immediatamente a Milanello almeno un paio di acquisti top oltre a Lapadula, già preso la scorsa settimana.

Secondo il quotidiano torinese Tuttosport, la società rossonera sarebbe molto vicina a Leandro Paredes, centrocampista che l’anno scorso ha ben figurato nelle fila dell’Empoli di Giampaolo, ma di proprietà della Roma. Da quanto apprendiamo, la società giallorossa non avrebbe ancora deciso se puntare sul giovane regista dopo la partenza di Pjanic, Spalletti prima di prendere una decisione definitiva sul ragazzo vorrebbe prima vederlo in ritiro, lavorarci un po’, per capire se effettivamente può essere pronto a ricoprire un ruolo così delicato in una piazza molto esigente come quella romana.
Non ha invece dubbi il nuovo allenatore del Milan, Vincenzo Montella, che avrebbe confidato ai suoi collaboratori di stimare davvero molto Paredes, che la Roma valuterebbe intorno ai 13 milioni.

Un giocatore invece davvero molto vicino al Milan è  Alvaro Arbeloa, che da qualche giorno ha lasciato il Real Madrid. Secondo quanto riporta il quotidiano spagnolo Marca, solitamente molto informato sulle questioni riguardanti i blancos, il giocatore sarebbe prossimo ad accordarsi con i rossoneri. Nonostante i suoi 33 anni, Montella lo considera un partner perfetto per Alessio Romagnoli e la dirigenza avrebbe pronto per lui un contratto biennale da due milioni di euro a stagione. Arbeloa è un giocatore molto duttile, preferisce giocare come terzino destro, ma all’occorrenza può fare sia il centrale difensivo che l’esterno sinistro di difesa. Negli ultimi sette anni è stato una colonna del Real Madrid, con la sua esperienza internazionale potrebbe trasmettere maggior tranquillità e sicurezza a Romagnoli, cui manca davvero poco per affermarsi definitivamente e rientrare nel giro della nazionale.