Andiamo a scoprire le probabili formazioni di Milan-Palermo, posticipo domenicale della 10.a giornata di Serie A. I rossoneri arrivano a questo incontro con la necessità di monetizzare al massimo, dopo che i due pareggini contro Fiorentina e Cagliari ne hanno rallentato la corsa e minato qualcuna delle poche certezze acquisite in questo primo frangente di stagione. Perché se è vero che quello milanista è il miglior attacco del campionato, è altrettanto vero che ciò è dovuto più che altro alla straordinaria media realizzativa di Honda in rapporto ai tiri tentati che alla capacità della squadra di creare occasioni. E quando il giapponese si normalizza, com’è accaduto nelle ultime due gare, ecco che emergono tutte le difficoltà di un collettivo ancora troppo carente sul piano del gioco e di un reparto in cui, Honda a parte, gli altri stanno stentando.

Pippo Inzaghi, a nostro modo di vedere, ci ha messo del suo, insistendo troppo su un sistema di gioco poco premiante, almeno dal punto di vista dell’efficienza offensiva: con un reparto di centrocampo totalmente privo di fini dicitori, il 4-3-3 non consente al Milan di controllare il gioco né di sfruttare adeguatamente gli esterni, dove effettivamente i rossoneri possono contare su interpreti di buon livello. E la sola punta centrale costringe il tecnico a escludere di volta in volta uno tra Torres, l’unico fuoriclasse (almeno in linea teorica) di cui dispone al momento la squadra, e Menez, l’unico giocatore creativo. Proprio contro il Palermo, tuttavia, complice la squalifica di Muntari, Inzaghi potrebbe battere finalmente una via diversa: quella del 4-2-3-1, o del 4-4-2 (cambia poco). Tutto dipenderà dalla caviglia di Torres: se lo spagnolo recupera, allora giocherà al centro dell’attacco, supportato da Menez, mentre sugli esterni agiranno El Shaarawy (anche Bonaventura è out) e Honda, con Poli e De Jong al centro. Se invece l’ex Chelsea non dovesse farcela, allora si ripiegherebbe nuovamente sul 4-3-3, con Van Ginkel in mediana al posto del ghanese. Difficile, infatti, che Inzaghi possa decidere lanciare Pazzini dal primo minuto, non dopo le polemiche di metà settimana. Sarebbe un pessimo segnale. Da sottolineare anche il probabile rientro di Diego Lopez tra i pali, in luogo di un Abbiati troppo altalenante, e di Zapata al centro della difesa al posto di Rami.

Milan-Palermo probabili formazioni

MILAN (4-2-3-1): Diego Lopez; Abate, Zapata, Alex, De Sciglio; Poli, De Jong; Honda, Menez, El Shaarawy; Torres. All. Inzaghi

PALERMO (3-5-2): Sorrentino; Munoz, Gonzalez, Andelkovic; Pisano, Bolzoni, Maresca, Barreto, Lazaar; Vazquez, Dybala. All. Iachini