Arriva il sì di Fondazione Fiera al progetto del nuovo stadio del Milan che dovrebbe sorgere nell’area del Portello, a Milano, e fortemente voluto da Barbara Berlusconi. Si tratta però di un sì con riserve: Fondazione Fiera Milano ha infatti chiesto una serie di approfondimenti che riguardano la disponibilità di tutte le aree necessarie allo sviluppo del progetto e la compatibilità logistica con le altre attività presenti sul territorio di Portello.

Fondazione Fiera ha dato sei settimane di tempo alla società rossonera, e al team Arup Italia a cui è affidata la progettazione della struttura, per effettuare tutte le verifiche del caso e assicurare che lo stadio possa sorgere in quell’area in maniera coerente a quanto già esistente. Il progetto proposto da Lady B non è dunque quello vincitore ma è ritenuto dalla Fondazione Fiera il più interessante e si pone dunque davanti alle altre due proposte rimaste in campo per la riqualificazione dell’area della vecchia Fiera Campionaria di Milano: quella di Prelios spa per la realizzazione di un polo dell’innovazione e della tecnologia e quella presentata da Vitali spa con Stam Europe S.A. che propongono il progetto ‘Green street’, un chilometro di percorso ciclopedonale che scorre longitudinalmente accanto alla struttura del Portello, lungo viale Scarampo.

In merito al progetto, sul comunicato stampa di Fondazione Fiera Milano si legge: “La proposta avanzata da A.C. Milan con Arup Italia s.r.l, caratterizzata da una elevata redditività e da una marcata unicità in termini di mix funzionale, è tuttora subordinata al verificarsi di alcune condizioni. Andrà infatti dimostrata la disponibilità di tutte le aree necessarie allo sviluppo del progetto e la compatibilità logistica con le attività residue del Portello in termini di accesso. Elemento di forza di tale proposta è la gestione diretta della struttura da parte del soggetto attuatore. Il Comitato esecutivo ha dato mandato al presidente Benedini di verificare l’esistenza di tutte le condizioni necessarie alla concreta realizzazione del progetto presentato da AC Milan e le migliori condizioni economiche ottenibili dalla Fondazione”.