Non si può certo dire che il Milan non abbia compiuto investimenti importanti per il rinnovo della rosa e, principalmente, per quanto riguarda il parco attaccanti. Ceduti El Sharaawy e Pazzini rispettivamente al Monaco e al Verona, i rossoneri si sono assicurati Luiz Adriano, Bacca, Balotelli e un trequartista dall’indiscutibile valore aggiunto in proiezione offensiva della qualità di Jack Bonaventura. Sicuri di non aver dimenticato nulla? Assolutamente no, perché Mihajlovic in teoria può contare anche sull’apporto del protagonista della sfortunata stagione scorsa del Milan ovvero Jeremy Menez (16 i gol messi a segno in campionato nel 2014-2015).

In teoria, perché in pratica l’attaccante francese è ancora alle prese con l’infortunio alla schiena (che interessa anche la zona dell’anca) che non solo lo sta tenendo fermo in questo inizio della nuova stagione ma lo costringerà a uno stop per tutto il 2015 con un grosso punto interrogativo anche per i primi mesi del 2016. Forse anche a causa di una non adeguata gestione della riabilitazione.

L’infortunio di Menez sembrava cosa di poco conto ma dopo Milan-Genoa dello scorso 29 aprile e durante la squalifica il giocatore ex PSG chiede di essere seguito dal neurochirurgo di sua fiducia Bernard Massini per risolvere il problema alla schiena. L’11 giugno Menez viene operato a Montecarlo per la rimozione di una piccola recidiva di ernia discale. La prognosi dice tre settimane di riposo e poi la ripresa ma al raduno del 3 luglio il francese non è ancora pronto. Il dolore non cessa e non smette di infastidire Menez anche durante i 21′ di Milan-Perugia di Coppa Italia per il suo ritorno in campo.

Il 20 agosto Menez torna da Massini e viene operato per la seconda volta. Prognosi ancora una volta confortante: rientro in campo previsto dopo un mese a seguito di terapia riabilitativa a Montecarlo (con tanto di check-up da parte di un membro dello staff medico rossonero). Intervento e riabilitazione però, evidentemente, poco efficaci visto che Menez, alla ripresa del campionato, risulta ancora indisponibile e acciaccato. Ora il Milan ha deciso di affidarsi per il suo prezioso attaccante a un nuovo specialista. Le incognite dunque rimangono per quanto riguarda il 2016 con l’unica triste certezza che Menez non si vedrà in campo per tutto il 2015.