Fide alleate fuori, valorose rivali dentro il rettangolo di gioco. Sabato alle ore 20.45 Milan-Genoa, sono 48 i precedenti a San Siro.

Milan-Genoa, c’è chi vuole l’Europa e chi la salvezza matematica

A dieci giornate dalla fine le prossime duellanti hanno ancora qualcosa da dire in campionato. I rossoneri, settimi, credono ancora all’Europa. Incandescente il post-gara di settimana scorsa contro la Juventus, uscita vittoriosa al 97’ con un rigore che ha diviso moviolisti e tifosi. Montella prepara il prossimo appuntamento, contro un Genoa sconfitto come all’andata nel derby della Lanterna. Ferite profonde abbinate alla consapevolezza che, nonostante vi sia un abisso (14 punti) dal Palermo terzultimo, la salvezza non è ancora matematica.

Milan-Genoa, il recente passato

Nell’ultimo confronto l’intera posta è andata ai padroni di casa. Bacca e Honda incanalarono la gara per il “Diavolo”, Cerci firmò il 2-1 al 92’. Per un successo ligure non bisogna però andare molto lontano: Bertolacci, Niang e Falque condannarono gli uomini di Inzaghi alla sconfitta, in rete solo con Mexes. Da tre stagioni manca invece il pari: al 3’ De Jong lanciò in verticale Kakà che segnò, illudendo il pubblico di fede milanista; cinque minuti dopo Emanuelson rovinò tutto, sciagurato nell’intervento su Fetfatzidis in area per un rigore che Gilardino tramutò nell’1-1 finale.

Milan-Genoa nei numeri

Caterve di reti il 6 gennaio 2010. Sculli portò avanti il “Grifone”, Ronaldinho riportò l’equilibrio dal dischetto. Thiago Silva siglò il momentaneo 2-1, punteggio con cui le due squadre rientrarono negli spogliatoi. Via alla seconda frazione e Borriello piazzò una doppietta in un quarto d’ora. Un altro rigore, stavolta targato Huntelaar, e Suazo misero fine alla sfida sul 5-2. Nei 48 incontri disputati a San Siro nella storia della Serie A è dominio Milan: 30 successi, 13 pareggi e 5 imposizioni ospiti. Leadership riflessa anche nel computo totale dei gol messi a segno: 88 a 42.