Milan e Inter sono pronte a darsi battaglia nella prossima sessione di calciomercato per riportare in Italia Zlatan Ibrahimovic. Sono bastate poche parole dell’agente dello svedese, Mino Raiola, per ridare vivacità al fuoco del calciomercato attorno all’attaccante che lascerà, a breve il Paris Saint-Germain.

Ibrahimovic vorrebbe tornare in Italia a Milano, dove la sua famiglia si è sempre trovata molto bene. Il problema resta l’ingaggio, ma il bomber del Psg è pronto a rinuciare a tantissimi soldi. Ad oggi il club francese gli ha anche proposto un rinnovo del contratto in scadenza il 30 di giugno, per un totale di 12 milioni di euro all’anno. Dalla Cina, invece, l’offerta è di quelle gigantesche: 70 milioni di euro per una stagione sola.

Follie, vere o presunte che siano. Lui, Ibrahimovic, intanto non si è ancora lasciato convincere: pare che non abbia nessuna voglia di restare a Parigi o emigrare in Oriente. E da qui potrebbero arrivare i soldi per riportare Ibracadabra a Milano: Thohir è in trattativa con il gruppo Suning, Berlusconi sta valutando la cessione a una cordata cinese.

Il Milan sembra essere la squadra in pole position, non fosse altro per il legame che c’è tra Mino Raiola ed Adriano Galliani e per i trascorsi felici di Ibrahimovic in rossonero, oltre alla stima del bomber per il presidente Berlusconi. L‘Inter, però, è pronta a fare lo sgambetto ai cugini: Mancini lo accoglierebbe a braccia aperte, magari sacrificando anche Icardi.