Una vita da predestinato. Tifosi e addetti ai lavori si dicono certi che Donnarumma sarà il futuro azzurro. 18 anni appena compiuti, i corteggiamenti fanno piacere, eppure il futuro promette di colorarsi ancora a tinte rossonere.

Erede di Buffon

Cresce a vista d’occhio ‘Gigio’. No, non nell’altezza, per quello è già un gigante. Piuttosto in personalità e riflessi tra i pali. Ogni domenica strabilia con parate da campionissimo, che sono già valse la convocazione in nazionale maggiore. Lì dove da circa un ventennio è inamovibile un certo Gianluigi Buffon. Così Buffon bruciò le tappe al Parma, così Donnarumma ha fatto al Milan, club con cui è legato fino al 2018.

Milan-Donnarumma, Raiola: “Futuro da chiarire”

Galliani si è attivato da tempo per il rinnovo, senza riuscire nella missione. Recenti indiscrezioni vogliono che il Real Madrid sia pronto a sferrare l’offensiva e i continui rinvii del closing preoccupano. “Si trova bene a Milano, anche se il futuro della società è ancora da chiarire – aveva spiegato Mino Raiola nei scorsi giorni -. Investitori cinesi? Ci sono cinesi e cinesi, i cinesi dell’Inter sono delle persone serie che hanno idee abbastanza chiare mentre quelli del Milan stanno facendo solo delle figure di m…”.

Donnarumma: “Spero di restare”

Intercettato alla stazione di Firenze prima di andare a Coverciano Donnarumma ha gettato però acqua sul fuoco: “Sono legato al Milan e spero di restare, poi ci penserà il mio procuratore a tutto il resto”. Parole che danno un senso al bacio alla maglia di qualche settimana fa. “Chiarimento con i giocatori della Juve dopo la partita? Ma no, non è successo niente, era solo un’incazzatura per aver perso così. Non c’è nulla da chiarire”. E, su precisa domanda, ha detto di Meret: “Sì, può essere il mio vice. L’ho conosciuto in Under 21, gli faccio i complimenti per quello che sta facendo”.