Il Milan preme per chiudere con Andrea Conti e Lucas Biglia. Ieri sera incontro nella sede rossonera tra Massimiliano Mirabelli e Mario Giuffredi, il procuratore dell’atalantino. I rossoneri hanno messo sul piatto un quinquennale da due milioni a stagione e qualche settimana fa lo stesso Giuffredi dichiarò: “Solo un pazzo rifiuterebbe il Milan, né io e né Andrea lo siamo”.

Insomma, la sensazione è che manca poco e poi tutto potrà essere messo nero su bianco, ma gli ostacoli non mancano: uno è rappresentato dai soldi che l’Atalanta vuole. I rossoneri si spingerebbero al massimo ai 18 milioni più 2 di bonus, la Dea ne vuole almeno 7 in più.

Poi ci sono da superare le resistenze di Gasperini, restio all’idea di privarsi di un esterno giovane e forte, capace nell’ultima stagione di mettere insieme 33 presenze e 8 gol, tanto da guadagnarsi il soprannome di bomber.

Capitolo Biglia: si aspetta che il centrocampista termini gli impegni con la nazonale albiceleste per chiudere. L’argentino firmerà un triennale a tre milioni e mezzo a stagione più l’opzione per il quarto. Alla Lazio andranno 22 milioni. Visite mediche già prenotate, ma per ogni evenienza il Milan si è già cautelato per evitare brutte sorprese che a questo punto sono comunque improbabili seguendo il centrocampista polacco del Psg Grzegorz Krychowiak, arrivato l’estate scorsa in FRancia per 30 milioni, ma svalutato dopo una stagione pressoché in naftalina.