In vista della 24esima giornata di campionato contro il Cesena, in programma il 22 febbraio alle ore 15 a San Siro, mister Inzaghi si trova ad affrontare una nuova emergenza: i portieri. Con Diego Lopez squalificato nella scorsa gara contro l’Empoli (dovrà scontare un turno di squalifica) e Michael Agazzi fermo ai box per infortunio, agli ordini del tecnico piacentino c’è a disposizione solo Christian Abbiati.

Super Pippo porterà allora in panchina i giovani Stefano Gori, portiere diciannovenne della Primavera, e Gianluigi Donnarumma, di soli 15 anni. Il baby portiere è fratello dell’estremo difensore del Bari, e alla luce del costante impegno del collega Gori in prima squadra è diventato il portiere titolare della Primavera allenata da Cristian Brocchi, anche se, essendo classe 1999, dovrebbe giocare  con gli Allievi.

Stando a quanto fanno sapere gli addetti ai lavori, Donnarumma ha le qualità per diventare uno dei migliori numero uno del prossimo futuro. Ovviamente (come per Mastour) è ancora presto per esaltarsi in casa Milan, anche perché è risaputo che i giocatori della Primavera in grado di fare il salto in prima squadra sono una piccolissima parte.

Prima di sedersi in panchina con i compagni, Donnarumma deve superare la visita medica perché – nonostante il fisico statuario (è alto 1.97 m) – è pur sempre un ragazzino di 15 anni.