Il Milan vede andare in fumo 30 milioni di euro, mettendo a repentaglio dunque il prosieguo della campagna acquisti. L’attaccante colombiano Carlos Bacca ha infatti rifiutato il trasferimento agli inglesi del West Ham, che era pronta a versare subito la somma nelle casse rossoneri. La risposta dell’attaccante era attesa per oggi e infatti non si è fatta attendere più di tanto: il problema è che non si tratta di quella sperata dal Milan: dopo giorni e giorni di trattative, Bacca ha dunque rinunciato a un quadriennale da 4,2 milioni di euro a stagione. Per la società rossonera si tratta di un brutto colpo, visto che dalla cessione del colombiano avrebbe ricavato i soldi per acquistare il difensore Musacchio del Villareal, attualmente lasciato in stand-by.

Carlos Bacca però vuole giocare la Champions League, dunque è disposto ad aspettare un rilancio dell’Atletico Madrid, che spera possa farsi sotto quanto prima. Anche l’Arsenal sembra stia prendendo informazioni sul giocatore attraverso un sondaggio più o meno informale, soluzione questa che sarebbe gradita all’attaccante esattamente quanto quella di Simeone: per lui, a questo punto della sua carriera, sarebbe davvero importante disputare la Champions League.

Nella sua prima (e finora unica) stagione in rossonero, Bacca si è nettamente distinto dal resto della squadra, che in campionato è naufragata al settimo posto in classifica. L’attaccante ha segnato 20 gol stagionali, 18 in Serie A e 2 in Coppa Italia. Numeri importanti, che l’hanno chiaramente messo al centro del mercato.