All’anagrafe fa Miguel Perez Cuesta, ma tutti lo conoscono semplicemente come Michu. E’ spagnolo, ha 28 anni e gioca in attacco. Tra poco più di un mese e mezzo lo sentiremo nominare spesso perché il giocatore è stato acquistato dal Napoli. O quasi. La trattativa con lo Swansea è a buon punto: arriverà con la formula del prestito con diritto di riscatto. Rafa Benitez è stato decisivo per pigiare il piede sull’acceleratore: sarà Michu il vice Higuain.

L’anno scorso, l’Arsenal non riuscì a portarselo a casa, pur avendo offerto 15 milioni di sterline. Un prezzo obbligato dopo la stagione che lo spagnolo aveva appena concluso: 22 reti e storica qualificazione all’Europa League per il club gallese. Michu aveva puntato i piedi ed era voluto rimanere, visto che Michael Laudrup il feeling era perfetto. Il tecnico danese poi è stato esonerato, Michu si è fatto male due volte e, insomma, non ha vissuto una seconda annata strepitosa.

Qui si è inserito De Laurentiis. Ha chiesto informazioni sulle condizioni fisiche di Michu, ha aspettato che da quella parti facessero firmare Gomis e poi ha sferrato l’assalto decisivo. Il Napoli, in attacco, ha deciso di farsi un vero e proprio maquillage. Duvan Zapata andrà in prestito (ma probabilmente solo dopo il preliminare di Champions) e Goran Pandev farà le valigie. Incedibili Insigne e il Pipita, c’era necessità di un rinforzo all’altezza. Sarà Michu.