“E’ brutto non riuscire a dare il proprio contributo. E’ dura restare fuori tutti questi mesi. E’ la prima volta che la situazione è stata così grave, per fortuna anche questa è andata. Io sono del Sud e a Napoli mi trovo bene”.

Ha esordito così Giandomenico Mesto, calciatore della squadra partenopea, gradito ospite questa sera della trasmissione televisiva ‘In casa Napoli’ in onda sul canale PIUENNE.

L’esterno azzurro ha risposto alle varie domande postegli dalle persone in studio, rilasciando varie dichiarazioni.

“Sul rinnovo posso dire che aspetto l’ufficialità. Mi farebbe davvero piacere proseguire questo cammino.

In campo sono la concentrazione e la determinazione a fare la differenza. E’ fondamentale applicare le cose che ti chiede l’allenatore, anche se giocare in una grande squadra con ottimi giocatori rende tutto più semplice.

Sono contento per l’esordio di Colombo, un professionista che dà sempre il massimo, ma guardo anche ad Hamsik di cui non bisogna notare solo una partita bensì un ciclo di prestazioni di alto livello nel quale è normale possa capitare l’intoppo.

Credo che l’annata del Napoli sia andata bene. Gli infortuni hanno un po’ condizionato il campionato così com’è accaduto ad altre squadre. Alla fine siamo riusciti ad esprimerci al meglio, conquistando la Coppa Italia e non sfigurando in campionato. Il gioco di Benitez è offensivo. Molti giocatori si sacrificano con i terzini per portare palla avanti e spingere. Se il lavoro viene fatto bene può portare i suoi frutti.

Nella mia carriera calcistica ho affrontato vari avversari, ma credo che il Pocho sia stato quello a darmi più fastidio. Lavezzi era difficile da fermare.

Spesso ripenso al mio infortunio e mi rendo conto che è stato davvero difficile non poter essere parte attiva del gruppo. Per cercare di non farmi prendere troppo dall’amarezza seguivo le partite da bordo campo, precisamente dietro la porta.

Quando è arrivato Benitez mi sono subito sentito in dovere di mettermi in mostra. Lui ha una grande considerazione di tutti e la avrà anche di chi verrà. Non so nulla del mercato, ma sono consapevole del fatto che il Napoli abbia l’obiettivo di crescere, ed una rosa ampia può aiutare in questo.

Benitez ha dato al Napoli un livello superiore. Ha portato tutta la sua esperienza internazionale”. 

(foto by Infophoto)