La prospettiva di vedere Leo Messi via dal Barcellona a giugno, resa più concreta dalle tentennanti dichiarazioni della Pulga, ha riacceso la fantasia del Manchester City, probabilmente l’unico club al mondo a potersi permettere di investire qualche centinaio di milioni di euro, tra clausola rescissoria e ingaggio, per mettere le mani sull’argentino.

Messi al Manchester City, si può

Ne sono convinti in Inghilterra e, cosa più importante, ne sono convinti al City: qualche giorno fa, nel corso di un’intervista radiofonica resa a Onda Cero, perfino il solitamente morigerato Manuel Pellegrini avrebbe ammesso che per l’Abu Dhabi United Group, proprietario del club, non sarebbe impossibile avvicinarsi alle folli richieste dei catalani. Pur specificando che “al momento non c’è nulla di concreto“, il tecnico campione d’Inghilterra ha definito “normale” il fatto che il City sia accostato ai più grandi calciatori del mondo, Messi compreso.

Da Barcellona piovono rassicurazioni: Bartomeu, presidente blaugrana, ha confermato che Messi rimarrà al Barcellona a vita (“Qui è felice, a me ha sempre detto che vuole chiudere la carriera in questo club“). D’altra parte, erano più o meno le stesse cose che si dicevano all’epoca per Ronaldo, per Rivaldo, per Ronaldinho. La realtà è che il Barcellona, come insegna la storia, ha sempre ceduto le sue grandi stelle prima che tramontassero con la sua maglia addosso, e per Messi potrebbe valere la stessa regola.