Marca, il famoso quotidiano spagnolo, non usa mezzi termini nel descrivere lo stato d’animo del fuoriclasse del Barcellona, Leo Messi: «si sente perseguitato». Ovviamente tutto questo a seguito della condanna per evasione fiscale, che ha profondamente turbato Messi, al punto che starebbe persino pensando di cambiare aria: una rottura tra il fantasista argentino e il Barcellona non appare più uno scenario così impensabile come sarebbe potuto essere fino a qualche tempo fa.

L’ultimo mese è stato sicuramente il peggiore nella carriera di Messi: prima l’ennesima finale di Copa America persa, la terza consecutiva, in cui è stato protagonista in negativo sbagliando il rigore decisivo. Poi la scelta di abbandonare la nazionale, che gli è costata insulti da praticamente tutta la tifoseria argentina, delusa nel vedere il giocatore più rappresentativo che anziché rimboccarsi le maniche, decide di abbandonare la nave che affonda. Poi la sentenza shock: 21 mesi di reclusione per frode fiscale, a lui e a suo padre. Una bella botta per il calciatore, che nel giro di un mese si è ritrovato sotto i riflettori di tutto il mondo non per le prodezze a cui ci ha abituato, ma per fatti incresciosi. Ricordiamo, per completezza d’informazione, che l’attaccante argentino non finirà in galera, essendo la pena inferiore ai due anni ed essendo sia lui che il padre incensurati. Verrà dunque sospesa, ma potrebbe scontarla qualora commettesse un nuovo reato: a quel punto dovrebbe realmente fare questi 21 mesi di reclusione. Ovviamente speriamo che possa risparmiarseli e continui a filare dritto.

Per la prima volta, Messi ha l’opinione pubblica contro. Non era mai successo prima. Un momento della sua vita particolarmente duro in cui – sempre secondo quanto ricostruito da Marca – il giocatore non si sarebbe sentito protetto a sufficienza dal Barcellona. Dalla Spagna filtra così l’indiscrezione che i rapporti con il club non sarebbero più idilliaci, anzi, tutt’altro: Messi si sentirebbe addirittura perseguitato. Cambiare aria potrebbe essere la soluzione migliore in questi casi e l’argentino pare ci sta pensando seriamente, per la prima volta nella sua carriera. È difficile immaginarlo con un’altra maglia, sembrava davvero fosse destinato a diventare una bandiera del club catalano. Eppure queste tensioni sembrano sempre più palpabili, al punto che qualche giorno fa, il padre è stato avvistato sullo yacht di Abramovich: il magnate russo sarebbe pronto a tutto pur di portare Messi al Chelsea. E stavolta, forse, potrebbe riuscirci.