Pochi fronzoli, ma tanta concretezza e dedizione alla causa. Nei primi anni 2000 il Chievo rivestiva i panni di matricola, ma ormai il team scaligero va considerato un’autentica certezza, l’unica rappresentante della città veneta dopo la retrocessione dell’Hellas. Vediamo cosa di nuovo ha riservato Givova per le maglie Chievo Verona 2016/17.

SVARIATI COLORI

L’inizio ufficiale, avvenuto lo scorso 6 luglio, della stagione clivense al Centro Atlante ha fornito l’occasione per presentare i nuovi elementi dell’organico oltre alle divise del prossimo campionato. Rispetto al passato non mancano le novità: la prima rimane pressoché uguale con l’aggiunta dei tre bottoncini laterali, un tocco di stile sicuramente interessante. La seconda diventa completamente bianca, abbellita da una striscia lieve verticale azzurra sulla parte sinistra. La terza riprende i dettami della seconda, ma rimane scura. Predominante la tinta blu, una riga verticale gialla figura sulla parte sinistra.

UNA PARTNERSHSIP LONGEVA

Il sodalizio tra il Club scaligero e il brand Campano dura ormai da più di otto anni, il patron Giovanni Acanfora ha espresso così la propria soddisfazione: “Il sodalizio tra Givova e Chievo Verona è uno dei più longevi della Serie A, mi sento di poter affermare che i rapporti sia tra le nostre aziende e soprattutto tra gli uomini ed i professionisti che le rappresentano sono splendidi, caratterizzati da grande spirito di collaborazione e condivisione, tesi ad obiettivi di grande respiro nazionale ed internazionale. Colgo l’occasione per fare il mio personalissimo in bocca al Lupo al Chievo per la prossima stagione sportiva, dicendo ‘Ad Maiora’, insieme verso traguardi sempre più prestigiosi, grazie ragazzi siamo orgogliosi di voi…… Forza Chievo”. Massimo artefice di questa favole moderna, il presidente Luca Campedelli è intervenuto all’evento: “Spero piacciano, io prediligo quella bianca”. La parola finale resta sempre ai fan, che attraverso il loro entusiasmo trascinano i ragazzi.